Utente cancellato
Salve Dottori, in questo periodo sto riscontrando dei disturbi al retto, è iniziato più o meno 6 giorni fa con dei doloretti leggeri e discontinui, non molto fastidiosi ma abbastanza da sentirne la presenza, dopo la defecazione o l'espulsione di aria spariva totalmente per qualche minuto dandomi sollievo. Questi doloretti dal quinto giorno sono spariti lasciando spazio alla continua sensazione di dover defecare, cioè in questo momento non sento più quei doloretti discontinui ma ora provo una sensazione di disturbo nella zona del retto come se ci fosse qualcosa da espellere, una sensazione continua, non dolorosa, e tipo quella di quando stai per finire di defecare. Io dubbioso ho provato a passare con il dito fin dove arrivavo dopo averlo bagnato con l'acqua, e ho notato in un lato del retto una parete alquanto dura che non mi sembra ci fosse prima, ora...ho diversi dubbi che mi stanno mangiando lo stomaco ma prima devo raccontarvi degli aneddoti di cui non vado molto fiero, praticamente c'è stato un periodo di qualche mese dove accompagnavo la masturbazione con la stimolazione anale tramite degli oggetti in casa di forma adeguata, ricoperti CON DEI PALLONCINI ( quelli delle feste praticamente ) per non sporcarli, ( so che non c'è bisogno di specificarlo ma comunque sono 100% etero ) al solo scopo di aumentare il piacere. Solo dopo mi è venuto il dubbio sulle sostanze chimiche che poteva avere un palloncino e cercando su internet ho trovato pochi risultati a riguardo, ma riferimenti al fatto che contengano Nitrosamina ( una sostanza cancerogena ) e visto che mi sono strofinato i palloncini lungo la parete anale ( lubrificati a dovere ) ho seriamente paura che sia questa la causa dei disturbi e che sia in corso un tumore al retto. Premetto mesi fa per fortuna ho deciso di smettere di utilizzare questa pratica poco dignitosa e anche appunto non molto salutare, ma adesso ho paura di doverne pagare le conseguenze. L'altra mia possibile diagnosi è che proprio pochi giorni prima dell'arrivo dei sintomi ho ingerito quantità considerevoli di piccante, tra cui molto olio santo e salumi piccanti, con il dubbio di essermi fatto venire le emorroidi, in tutto questo comunque non ho notato nessun tipo di sanguinamento sia sulla carta che sulle feci. Specifico anche che ho vent'anni e mi sembra di non aver mai avuto questo tipo di disturbo, non mi sono ancora fatto vedere per il semplice motivo che ho altre visite in corso e sto facendo già penare la mia famiglia ( specifichiamo anche che ho la reputazione di malato immaginario ) e anche per questa volta spero vivamente sia tutto nella mia testa perchè sono veramente in ansia. Credete sia possibile aver provocato il tumore con lo strofinamento di palloncini gonfiabili in lattice ( non ho idea se contenevano quella sostanza ) lungo la parete rettale? oppure è stato il piccante? ovviamente se la cosa non si risolve andrò a chiedere una visita specialistica.

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
E' la sola cosa da fare per dirimere ogni dubbio e per tranquillizzarla.
Un tumore no! ma la possibilità che si sia verificata una irritazione ed una infiammazione del retto è reale.
Cordiali saluti
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
508046

dal 2018
Grazie per la risposta Dr. D'Oriano, il fatto è che sono mesi che non faccio quelle pratiche e che quindi è stato " in pace " per un bel po...possibile che una normale infezione/irritazione si sia verificata a distanza di mesi? Inoltre ultimamente sto molto tempo seduto sulla sedia anche tutta la giornata, e delle volte sentivo la pressione e la necessità di alzarmi perchè si stava tipo addormentando...stare molto in queste condizioni può portare a sintomi simili? Non voglio disturbarla con i miei dubbi anche perchè come ha detto per togliere il dubbio bisogna fare la visita...ma la verità è che io verrei evitarla per ora e aspettare ancora un po sia per motivi economici che altro.