Utente 405XXX
Gentili dottori,
due mesi fa ho rimosso una fistola sacro-coccigea con tecnica mininvasiva Epsit. Mi è stata riferita dal chirurgo una percentuale abbastanza alta di recidiva. Penso che purtroppo mi stia tornando, ho cominciato a sentire fastidio ieri sera e inizio a essere leggermente gonfia, al tatto sento una pallina piccola e dura, classici sintomi che avevo anche in passato.
Se venissi operata di nuovo ovviamente se ne riparla a settembre, sfortunatamente il chirurgo che mi ha operato è in ferie e per ora non so a chi rivolgermi. Avrei un paio di domande:
- C'è un modo per "tamponare" almeno temporaneamente la formazione di un ascesso? E' molto doloroso Sono stata incisa in pronto soccorso e col fatto che devo partire a breve vorrei evitare. Avevo provato in passato con augmentin ma non era servito a molto
- E' normale che torni già dopo soli due mesi di distanza dall'operazione?
- Ci sono dei fattori di rischio che collaborano alla sua riformazione? O fattori per evitare che si ricrei?
Grazie in anticipo per la vostra disponibilità

[#1]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Si! terapia con antibiotici.
Si! Gli interventi mininvasivi che distruggono dall'interno la parete della cisti senza asportarla sono gravati da un alto tasso di immediata recidiva.
Nella Epsit è fondamentale una continua e corretta irrigazione della ferita, non so se questa possa essere stata la causa del mancato successo.
Prego.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#2] dopo  
Utente 405XXX

Gentile dottor D'Oriano, la ringrazio infinitamente per la sua risposta.
Ora sto prendendo Augmentin e spero possa aiutarmi.
Una piccola aggiunta: dopo essere stata operata ho irrigato con cura la ferita, anche più volte rispetto a quanto mi era stato segnalato. Avevo solo un piccolo foro, il chirurgo mi riferì che la mia cisti infatti era di dimensioni ridotte. Durante la chiusura della ferita ho fatto tre controlli, tutti con esiti positivi fino alla chiusura definitiva del buco. Infatti, a guardare dall'esterno, non si vede nulla, sembra tutto nella norma!
Inoltre, la cosa strana è che in passato, di solito, iniziavo a sentire un leggero fastidio e tempo tre giorni usciva l'ascesso, grosso e doloroso da non riuscire a sedersi e mi saliva la febbre. Oggi siamo a lunedì e sento questo leggero fastidio da venerdì Ma non si ingrossa, né peggiora. Può essere un'infiammazione dovuta alla ferita interna e non a una recidiva?
La ringrazio ancora!

[#3]  
Dr. Giuseppe D'Oriano

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
POZZUOLI (NA)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Si!potrebbe.
La ferita cutanea si è chiusa prima di una completa "guarigione Interna"
Va visitata.
Dr.Giuseppe D'Oriano Docente Scuola Speciale A.C.O.I. di Coloproctologia. Chirurgo Colonproctologo.
www.drgiuseppedoriano.blogspot.com

[#4] dopo  
Utente 405XXX

Grazie infinite per la risposta!!