Utente 173XXX
Un saluto a tutto lo staff di MEDICITALIA,

A fine Giugno di quest anno ho tolto chirurgicamente un granuloma dalla schiena; mi spiego meglio:

A Marzo-Aprile, esattamente non ricordo, mia sorella mi ha schiacciato (maledetto lui) un foruncolo sulla schiena. Questi ha cicatrizzato ma io da stupido ho continuato a togliere la crosta che volta per volta ha continuato ad ingrossarsi. L'ultima volta che l'ho tolta ho notato appunto sotto la crosta una specie di bozzo, diciamo così, di carne che non ha più fatto crosta. Vado dal medico che mi manda dal dermatologo. Il dermatologo mi spiega che si tratta di una specie di difesa operata dalla pelle e che non è niente di grave. Bene. Chiaramente devo toglierla. Ormai siamo a Maggio e il bozzo continua a ingrossarsi. Secondo la mutua l'operazione devo farla a Ottobre (!!). Niente, opto per il privato. Due sett dopo me lo tolgono in una famosa clinica di Bergamo (quella dove fannno le risonanze, dove recentemente è morto un noto imprenditore bergamasco del legno con doppio cognome (famosissimo)). Alla rimozione il bozzo era grande 1 x 1,5 cm. Mi dicono che è un granuloma e che non è nulla di grave come già sapevo e che è tutto apposto. Vado una sett dopo a togliere i punti e mi dicono che ne ho strappati alcuni ma il medico me li rimuove comunque tutti.
Per motivi che poi spiegherò non ho potuto presentarmi al secondo controllo da fare resosi ''necessario'' appunto per i punti strappati.
Naturalmente poi la ferita si è chiusa ed ora è perfetta.
Mi succede però una cosa un pochettino strana.
La cicatrice è posizionata per dare un'idea sulla schiena ad altezza due dita sopra l'ombelico, a destra di modo che sempre prendendo come spunto il davanti vada a conincidere con l'appendice. Lo spiego perchè magari può essere la motivazione di quello che chiederò.
Succede che dopo diverse ore in piedi, quando lavoro, la cicatrice si gonfi. Puntualmente ed altrettanto puntualmente si sgonfi a riposo. Non di moltissimo, così al tatto si alzerà di un 3mm (insomma abbastanza tesa), mentre da sgonfia è quasi concava.
Io l'ho detto al medico che mi ha guardato e dopo aver detto ''sotto non c'è niente'' mi ha dato una pomata e mi ha detto che anche se resta così va bene lo stesso. Questo un mese fa.

La mia domanda è: PUò DAVVERO ESSERE UN FENOMENO NORMALE?

Può ciò succedere per un maggiore afflusso di sangue durante lo sforzo lavorativo?
Puntualizzo che la cicatrice non mi da alcun fastidio neanche da gonfia, me ne accorgo se la tocco. Tutto qui. Ed esteticamente è migliorata nel tempo.

Chiedo anche, dato che una sett. dopo l'operazione mi sono ritrovato con un virus intestinale e 2 gg dopo questo con una pericardite (di modestissima entità comunque) (per questo che ho mancato il secondo controllo punti, ero in ospedale per la pericardite), è possibile che questi due ultimi fenomeni possano essere stati causati da forme virali o infettive provenienti da ferri operatori non perfettamente puliti?

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Salve,
direi, d'accordo col suo medico, di non preoccuparsi per questa cicatrice, che, a quanto ci descrive, sta migliorando. Al limite un controllo dermatologico, per valutare questo fatto, non sarebbe male.
Per l'ultima domanda direi che tra le infezioni che si possono contrarre a causa di una asepsi non perfetta non rientra il caso che lei ci ha raccontato, per cui stia tranquillo, per lo meno da quel punto di vista lì.

saluti

mocci
Luigi Mocci MD

[#2] dopo  
Utente 173XXX

Perció se ho ben capito nn mi devo preoccupare x la cicatrice ma mi devo informare o quanto meno capire xkè si gonfia. Va be proveró allora a chiedere ancora al medico o altrimenti andró come al solito a mie spese dal dermatologo. Grazie x la rispista. Un saluto

[#3] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Vorrei ricordarle che il SSN fornisce visite specialistiche di ottimo livello a prezzi "popolari" (il ticket, per quelli che non hanno esenzioni varie) Non credo sia assolutamente nè giusto nè corretto manifestare questo dispregio verso il nostro SSN dove lavorano i migliori specialisti di ogni settore medico!

Mocci
Luigi Mocci MD

[#4] dopo  
Utente 173XXX

Sono stato frainteso. La mia battuta si riferiva ai tempi, nn ai meriti dei medici del settore pubblico che sicuramente anche per motivazioni mie personali ideali preferisco a quelli del sett privato. Solo x una visita dermatologica c vogliono piu d 2 mesi se t va bene. Cioe come scritto sopra io ai tempi tra visita e opetazione avrei dovuto stare in ballo 5 mesi con un coso sulla schiena che quasi nn mi permetteva d guidare l auto. Francamente è un po troppo.