Utente 432XXX
Salve, sono un ragazzo di 21 anni e ho regolari rapporti sessuali da tre anni circa (con lo stesso partner).
Di recente, dopo una terapia antibiotica la mia ragazza ha manifestato sintomi evidenti di candida, è andata dal suo medico che le ha prescritto una cura antimicotica orale di 2 sole pastiglie (una ora e una tra qulche tempo).
Durante l'apice dei suoi fastidi, ho notato alcune macchie rosse sul glande e su piccolissime porzioni del prepuzio, che tra l'altro mi erano già comparse in un paio di occasioni (e molto brevemente) negli ultimi due anni, distanti molto tempo tra di loro.
Non sono state in nessun caso fastidiose o dolorose e sono scomparse tutte e 3 le volte in 3 o 4 giorni, così non mi hanno mai preoccupato, senonchè informandomi sulla Candida ho letto che i sintomi corrispondono, e siccome corrisponde anche il periodo credo di averla contratta.

Ho letto che in caso di rapporti ci si può continuare a passare indietro la malattia a vicenda, e che quindi devono curarsi entrambi i partner.
Per motivi molto seri, però, sono del tutto impossibilitato a parlare di questo problema con il mio medico curante (ovvero il medesimo della mia ragazza). Inoltre non posso permettermi un medico privato.

Vi chiedo dunque: nel frattempo che la mia ragazza si cura con le pillole, è sufficente per me applicarmi per qualche giorno o per periodi più lunghi (sebbene io attualmente non abbia alcun sintomo) una pomata antimicotica tipo Canesten, che non necessita di ricetta medica, per scongiurare eventuali passaggi del fungo alla mia ragazza e conseguenti ricadute?

Non capisco infatti l'utilità per un uomo della cura sistemica (che invece necessita di ricetta), visto che le mucose attaccate sono ben raggiungibili anche con una crema! Dove si annida il fungo nell'uomo?

In caso che mi sconsigliate questa procedura un po' "fai da te", invitandomi a sentire un medico per ottenere una ricetta, sapreste anche darmi suggerimenti sulla struttura esatta a cui rivolgermi: pronto soccorso, consultorio familiare, o cos'altro? (vivo a Milano in centro)

Grazie davvero per l'aiuto.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Gigli

28% attività
0% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
CAMPO SAN MARTINO (PD)
MILANO (MI)
BOLOGNA (BO)
PESCIA (PT)
PRATO (PO)
TORINO (TO)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2004
Se si tratta di candidosi realmente òa cosa migliore da fare e' una terapia antimicotica pere via orale che dovrete eseguire assieme nerl solito periodo.Consiglierei dell'itraconazolo per via orale.
saluti
Dr Paolo Gigli www.paologigli.it
Specialista in dermatologia e venerologia
Professore a contratto in scienze tricologiche mediche e chirurgiche

[#2] dopo  
Dr. Vittorio Crobeddu

24% attività
0% attualità
12% socialità
NOCI (BA)
TORINO (TO)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2004
La terapia orale e' sicuramente piu' efficace di quella topica e si ricordi di effettuarla sempre insieme alla sua partner.Saluti

[#3] dopo  
Dr. Petar Bojanic

24% attività
0% attualità
0% socialità
()

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2003
Suggerrirei Diflucan, caps 150mg (flumicosal). In una dosa sola (cosidetto minute treatment).
Cordiali saluti,
Petar
Dr Petar Bojanic

[#4] dopo  
Prof. Matteo Basso

24% attività
0% attualità
4% socialità
GENOVA (GE)
ROMA (RM)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2004
Fate insieme la tp che vi darà il med.curante, questo è importante per uscire dal circolo vizioso in cui vi trovate.
Saluti
prof. Matteo Basso
www.dermatologiaestetica.com