Utente 554XXX
Gentile dottore,
soffro da 10 anni di lichen sclero atrofico vulvare x cui ho dovuto subire ben 7 mesi fa un taglio cesario x far nascere mia figlia.
essendo arrivata alla disperazione mi sono affidata all'ennesimo dermatologo che però mi ha dato notevoli speranza di guarigione e mi ha prescritto una serie infinita di esami....
Ritirato oggi gli esami e tutto risulta nella norma tranne il cortisolo elevato ( ma ancora ho un pò di latte nn so se può influire) e gli anticorpi anti muscolo liscio positivi con 1:80...ora ho letto che si collegano ad epatiti croniche ma ho fatto anche questi esami e tutto risulta negativo...come si possono correlare lichen sclero atrofico e questo valore di anticorpi? come mi dovrò curare in questo caso?

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
In nessun modo particolare, fatto salvo che la diatesi autoimmunitaria può condurre ad associazioni di questo genere, pur senza costituire un dato fondante.

si determini con lo specialista venereologo per impostare la situazione in maniera più approfondita.

cari saluti
dott. Luigi Laino
Ricercatore dermatologo e venereologo, ROMA

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 554XXX

capisco ma allora questo valore deli anticorpi cosa sta a significare se nn ho epatite ed il fegato a posto?

[#3] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gli anticorpi anti muscolo liscio sono legati a molte situazioni, non solo quelle epatiche ad esempio: un valore 1:80 isolato, non dice proprio nulla su condizioni specifiche: esso deve essere complementato con altri esami dell'auto-immunità e se serve debbono essere ripetute le analisi a distanza di tempo.

Le valga conoscere che un valore del genere, senza altre situazioni cliniche e sierologiche connesse, a mio avviso può essere trascurato - previo controlli periodici che debbono essere prestabiliti nella sede di visita diretta.

Ancora, rilancio che l'associazione con il Lichen sclerosus è teoricamente possibile ed associabile, ma non costituisce un nesso causale: sappia ovviamente che il LS deve essere curato in maniera specifica e a prescindere da ogni approccio chirurgico, il quale deve essere relegato solo a casi selezionati e comunque non può sostituirsi alla terapia medica di base.

cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it