Utente cancellato
Gentile Dottore,
Vorrei esporle una questione che mi tiene un pò in ansia.Circa 5 anni fa in questo periodo mi comparvero sul tronco delle macchie rosee.La dermatologa diagnosticò Pitiriasi Rosea di Gilbert e mi tranquillizzò dicendomi che nel giro di un mese e mezzo sarei guarita.Effettivamente fu così.Le stesse macchie ricomparvero nei due anni successivi e gli specialisti dermatologi consultati, entrambe le volte diagnosticarono Pitiriasi Rosea di Gilbert. L'ultimo dermatologo mi disse che trovava strano che l'episodio si fosse manifestato 3 volte nel giro di tre anni, tuttatia, mi rassicurò dicendomi che probabilmente io ero un soggetto più suscettibile a tale malattia.Oggi a distanza di un anno dai tre episodi precedenti mi ritrovo anche se in modesta quantità, le stesse macchie sul tronco ed una sul collo .Possibile mai che nel giro di 5 anni la stessa malattia si sia già manifestata 4 volte? Devo preoccuparmi?
Grazie per l'attenzione riservatami.
Cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Benini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
SANTARCANGELO DI ROMAGNA (RN)
FANO (PU)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2000
Gentile Utente, la diagnosi di Pitiriasi Rosea di Gibert recidivante (ben 4 volte!) risulta alquanto strana, non solo a me ma, anche alla letteratura scintifica medica mondiale, in cui vengono riportati casi con al massimo una recidiva(cosa già questa alquanto infrequente).Pertanto la invito a rideterminarsi con il Dermatologo per chiarire i suoi(ed anche i nostri) più che legittimi dubbi ed ottenere magari una diagnosi esatta.
Cari Saluti
Dr.Alessandro Benini
Dirigente Medico Centro Grandi Ustionati
Osp."M.Bufalini" Cesena

[#2] dopo  
Dr.ssa Serena Mazzieri

28% attività
0% attualità
12% socialità
CHIUSI (SI)
SARTEANO (SI)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile utente,
la Pitiriasi Rosea come ormai saprà è una patologia benigna autolimitantesi scarsamente o per niente pruriginosa che a volte può recidivare.
Obiettivamente quattro volte come nel suo caso non mi è mai capitato di osservarla, ma c'è sempre una prima volta.
Si rivolga nuovamente ad un collega dermatologo per la conferma della diagnosi, magari corredata da un esame colturale ( onde escludere altre dermatosi di origine batterica o fungina con morfa simile) e da esami ematochimici.

Cordiali saluti
Dott.ssa Serena Mazzieri

[#3] dopo  
62786

dal 2008
Gentile Dottore,
grazie innanzitutto per la celere risposta!
Vorrei tuttavia esporle una mia paura:potrebbero gli episodi di Pitiriasi descrittele nella mia precedente email essere ricondotti ad una eventuale infezione da HIV dal momento che circa 7 anni fa ho avuto un rapporto a rischio?
Cordialmente

[#4] dopo  
Dr. Alessandro Benini

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
4% attualità
16% socialità
OSTRA (AN)
SANTARCANGELO DI ROMAGNA (RN)
FANO (PU)

Rank MI+ 48
Iscritto dal 2000
Io credo, innanzitutto che la diagnosi, di ciò che ha avuto, vada riformulata poichè non corretta.Non vedo correlazioni con la patologia da HIV.
Cari saluti
Dr.Alessandro Benini
Dirigente Medico Centro Grandi Ustionati
Osp."M.Bufalini" Cesena

[#5] dopo  
Dr.ssa Serena Mazzieri

28% attività
0% attualità
12% socialità
CHIUSI (SI)
SARTEANO (SI)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

se fosse un soggetto HIV positivo avrebbe avuto un altro corredo di sintomi che una Pitiriasi Rosea recidivante.
Opteri maggiormente per un errore di diagnosi e comunque le avevo consigliato di eseguire anche un prelievo venoso per valutare il suo stato immunitario a prescindere da una malattia infettiva come l'AIDS.
Comunque alla luce degli aggiornamente che ci ha fornito e considerata la sua giovane età, credo che sarebbe opportuno che lei facesse il test ( quale che sia la diagnosi dermatologica)per vivere tranquillamente e serenamente la sua vita.

cordiali saluti
Dott.ssa Serena Mazzieri

[#6] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
La descrizione che fa del suo caso, mi fa suggerire, seppur dalla sede telematica e non vincolante, la massima tranquillità.

tranquillità che sarà implementata dal colloquio e da ulteriori e nuove analisi (con fine di aggiornamento dello stato di salute) assieme al Venerelogo.


cari saluti
Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it

[#7] dopo  
62786

dal 2008
Gentilissimi medici,
Vi ringrazio per la puntualità e la cortesia con la quale avete risposto ai miei dubbi.
Valuterò se sottopormi ad ennesima visita dermatologica.
Cordiali saluti.

[#8] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Spero che effettui quanto da noi suggerito.

carissimi saluti e torni pure ad aggiornarci dopo la visita.

Dr. Luigi Laino DermoVenereologo Tricologo
Già Dirigente Istituto San Gallicano
Tel. 06.45.55.06.61
www.latuapelle.it