Utente 395XXX
Buongiorno, vi scrivo in merito a una macchia rossa sul glande che ormai ho da quasi un paio d'anni.
La macchia è di forma irregolare, vicinissima all'uretra e in tutto questo tempo non mi ha mai dato fastidi ne si è espansa. Però vedendo che continua a persistere mi sono allarmato e il medico di base mi ha dato dei lavaggi con betadine e della connettivina nell'ipotesi si trattasse di una piccola lesione. Il trattamento però non ha dato alcun risultato, è rimasta uguale a prima.
Sono allora andato presso un urologo (dal quale dovevo andare per un problema di fimosi non serrata) e mi ha detto che se non mi da alcun problema posso pure tenerla.
La cosa mi aveva un po' calmato, però recentemente ho letto in internet riguardo ad una patologia nota come Eritroplasia di Queyrat e mi è venuto il terrore possa trattarsi di questo, coincidendo alcuni sintomi.
Mi scuso per la lunghezza della domanda, ma vorrei sapere se questi dubbi potessero essere fondati e se ci fosse un modo per poter risolvere il problema di questa macchia.
Vi ringrazio moltissimo per la risposta, cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Luigi Laino

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2005
Gentile ragazzo,

Una macchia rossa sul glande può essere compatibile con molteplici situazioni che spaziano da una

balanopostite infettiva di natura da identificare

balanite plasmacellulare di zoon

psoriasi del glande

lichen ruber planus

lichen sclerosus in fase infiammatoria

eritema fisso da medicamenti sistemici

dermatite allergica da contatto

dermatite irritativa da contatto

altre balaniti non infettive

altre dermatosi acute e croniche

Le consiglio una visita venereologica e se vuole un approfondimento personale nel sito www.latuapelle.it

carissimi saluti
Dr Laino
www.latuapelle.it

Dr. Luigi Laino Responsabile Centro Latuapelle - Roma
MST, Tricologia, Laserterapia, Dermochirurgia
www.latuapelle.it

[#2] dopo  
Utente 395XXX

La ringrazio molto per la chiarezza della risposta.
Il fatto che sia presente da molto tempo e senza alcun sintomo quindi non indica necessariamente una situazione più "a rischio"?