Utente 202XXX
buon pomeriggio,sono terribilmente preoccupata per gli esiti di esami del sangue fatti due giorni fa.ne è venuta fuori un anemia,al quale il mio medico a posto rimedio con una cura iniziata gia',a base di ferro, per due mesi.quello che mi preoccupa è,che tra i valori,mi è risultato il valore dei neutròfili basso,1.71 con valori di riferimento tra 2.00-8.20,a mio parere non esagerato.non so se il fatto che fossi raffreddata al momento del prelievo abbia contribuito,ma non essendo del campo,sono preoccupata!riguardo all'anemia,i valori sono questi,ferritina 3.95 con val di riferimento di 9.3-278,transferrina 455 con valori di rif 210-430mg,sideremia 28 con val di rif 40-145.leggendo su internet,ho trovato solo cose che hanno contribuito al farmi preoccupare ancor di piu',puo' darmi gentilmente una mano nel capirne qualcosa?la ringrazio in anticipo.

[#1]  
Dr. Giuseppe Finzi

28% attività
0% attualità
12% socialità
PARMA (PR)

Rank MI+ 40
Iscritto dal 2008
Nella stragrande maggioranza dei casi la anemia da carenza di ferro nella donna è legata alle perdite mestruali abbondanti.
Controlli che il ferro che asume venga assorbito (faccia un prelievo di sangue per dosare la sideremia due-tre ore dopo l assunzione di una DOPPIA dose di ferro per bocca).
Le infezioni virali, quindi anche il raffreddore, possono fare aumentare i linfociti e ridurre i neutrofili.
Ricontrolli il dato dopo due settimane dalla guarigione.
Giuseppe Finzi

[#2] dopo  
Utente 202XXX

la ringrazio davvero tanto per aver risposto in tempi cosi' veloci alla mia domanda,seguiro' il consiglio!grazie.