Utente 190XXX
Salve, ho 42 anni, sono donatore avis da 4 anni, volevo chiedere se l'anticoagulante che si utilizza durante la donazione di plasma può essere pericoloso?
Chiedo questo perchè mio padre scomparso poco fa ha avuto un'emorragia cerebrale con ictus che lo ha portato al decesso, era iperteso, diabetico e fumava da sempre; io non fumo e cerco di fare vita abbastanza regolare nonostante i turni in fabbrica, però mi chiedo se c'è una possibile percentuale di ereditarietà su questo tipo di malattie letali, e allora mi chiedo come funziona l'anticoagulante usato nella plasmaferesi, cioè come agisce nel nostro organismo? può dare problemi in qualche caso particolare?
posso stare tranquillo o meglio evitarlo?

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Si tratta solitamente di citrato ma non mi risulta che ci siano problemi particolari ; ritengo che ne debba parlare con i medici del centro trsfusionale che la potranno tranquillizzare
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 190XXX

intanto la ringrazio, i medici del centro trasfusionale mi hanno detto che non ci sono problemi ma vorrei qualche informazione più approfondita.