Utente 943XXX
Spett.li Dottori,
un sabato del mese di ottobre con 39 di febbre mi sono comparse placche alle tonsille diagnosticate della guardia madica, la quale mi prescrive AUGMENTIN due al giorno per 6 Giorni.
Dopo circa una settimana il problema sembra risolto e ritorno al lavoro, dopo alcuni giorno sento di nuovo dolore alle tonsille e noto la ricomparsa delle placche, alchè il mio medico mi prescrive un altro antibiotico di cui non ricordo il nome ma che dovevo prendere per 7 giorni una al giorno, nel giro di una settima il problema sembra superato anche se per circa 15 giorni ho ancora avuto dolore alle tonsille. Sono in seguito andato dall'Otorino il quale mi ha detto che avendo una bimba che va all'asilo posso correre questi rischi ma che le mie tonsille erano quasi guarite e non erano assolutamente da togliere.
Ieri ho ritirato le analisi del sangue (nelle quali avevo fatto inserire le analisi per lo streptococco) che eseguo per tranquillità una volta all'anno, ho riscontrato una moderata leucocitosi bilanciata (leucociti 11,23) e ASLO 342, alchè mi sono un po' allarmato e mi sono recato dal mio medico, il quale mi ha detto che lo streptococco è ancora presente consigliandomi due iniezioni di DIAMINOCILLINA 12000UI distanziati di un mese.
Ora Vi chiedo se ASLO 342 può considerarsi alto a distanza di mesi dalle placche oppure è normale così come i leucociti a 11,23 che un anno fa erano 6,8.
Ora comunque non ho fastidi alla gola se non un po' di catarro.

Grazie infinite per i chiarimenti
Sandro

[#1]  
Dr. Giuseppe Curciarello

24% attività
0% attualità
0% socialità
FIRENZE (FI)
BAGNO A RIPOLI (FI)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2005
E' importante conoscere la formula leucocitaria e non solo il numero dei globuli bianchi. Per quanto concerne il taslo 342 alto, bisogna considerare che il titolo può aumentare dopo una infezione da stafilococchi ma quello che è rilevante non è il numero in assoluto ma la variazione (nel senso di aumento) fra due esami eseguiti a distanza. Nel Suo caso ripeterei fra 1 mese: emocromo con formula leucocitaria e piastrine, VES, PCR, proteine totali e frazionate, TAS e TASLO. Rimane fondamentale tuttavia eseguire un tampone faringeo se dovesse riavere dolore alle fauci alla deglutizione ovvero alterazioni visibili delle tonsille. Solo il tampone può confermare la diagnosi di infezione da stafilo o streptococco beta emolitico e dirci se è sensibile alla vecchia penicillina che il suo medico le ha prescritto oppure ad altro ( e quale altro) antibiotico. Saluti
dott. Giuseppe Curciarello