Utente 433XXX
Salve,
avrei cortesemente bisogno di un consiglio. Quest'anno dopo una operazione al varicocele ho avuto un episodio di embolia polmonare. Successivamente ho scoperto grazie ad esami genetici e approfonditi che l'episodio di embolia polmonare è dovuto ad un alterazione del Fattore V Leiden. Risulto quindi portatore Eterozigote di tale patologia. Ovviamente mi hanno prescritto degli anticoagulanti in caso di interventi chirurgici futuri e per viaggi in aereo superiori alle 4/5 ore. In ogni caso, per rimozioni di denti, e piccoli interventi come la rimozione di nei o quant'altro non ho bisogno di prendere anticoagulanti.
Mi chiedo se pur essendo portatore Eterozigote del Fattore V Leiden posso farmi un tatuaggio. Non ho ancora avuto una risposta precisa, si va incontro a qualche rischio o non ci sono collegamenti tra le due cose? Oppure posso farlo ma devo assumere qualche anticoagulante per sicurezza?
Grazie mille per la disponibilità.

[#1] dopo  
Dr. Angelo Carella

24% attività
4% attualità
4% socialità
GENOVA (GE)
MILANO (MI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2016
Condivido tutto quello che le hanno detto.i colleghi p.er la prevenzione tromboembolica relativa alla mutazionr di Leiden.,di cui e'portatore.
Non credo che un tatuaggio possa crearle problemi,se fatto con.tutte le migliori condizioni operative ed igieniche (se proprio lo deve fare !)
Cari saluti
Dr. Angelo Carella