Utente
Buonasera, ho 36 anni e sono un po' preoccupata per dei linfonodi a livello inguinale estrememente dolenti. Sono comparsi in fase premestruale, ed inizialmente pensavo di avere problemi venosi, poichè sentivo pulsare la parte. Ora, con la comparsa del ciclo, ho dei dolori costanti e difficoltà nel camminare. Devo ammettere che con il periodo festivo, ho ecceduto un po' con pranzi e cene, e soprattutto soffro di calcoli renali e ultimamente coliche (leggere) ogni mese, con conseguente assunzione di medicinali (principalmente buscopan). Ringrazio anticipatamente

[#1]  
Dr. Enrico Guarino

24% attività
0% attualità
0% socialità
ROMA (RM)
AFFILE (RM)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2002
buongiorno leggo solo ora la sua richiesta di consulto e sulla base dei dati che Lei riporta sono diverse le opzioni diagnostiche che si possono fare.
la prima in assoluto è quella che si rende necessaria una visita ginecologica per escludere una possibile infezionee/o infiammazione della sfera ginecologica che giustificherebbe già da sola la linfoadenopatia aspecifica inguinale.
La calcolosi renale non si accompagna in genere a risentimento della catena linfonodale inguinale fatta eccezione in rari casi in cui il calcolo può impegnare l'uretere nel tratto terminale o quando vi è l'impegno dell'uretra da parte del calcolo ma in entrambi i casi siamo di fronte ad un quadro acuto necessitante di trattamento tempestivo della patologia e quindi difficilmente è il suo caso.
infine reputo che debba fare anche una visita chirurgica per escludere l'eventuale presenza di ernia inguinale o crurale.
mi tenga informato cordiali saluti
Enrico Guarino
enrico guarino
medico chirurgo
dr.enricoguarino@gmail.com