Utente 360XXX
Salve,vorrei poter avere delle delucidazioni riguardo il referto dell’agoaspirato alla tiroide eseguito da mia madre (56 anni). Da più di un mese mia madre effettuando delle analisi del sangue ha scoperto di avere dei valori alterati degli ormoni tiroidei e non solo:
-FT3=3.30
- FT4=0.97
- TSH=1.78
- Tg=215.63
-AbTg=215.73
- Omocisteina=30.49
- 25-oh-vit D= 6ng/ml
- VES=35
-colesterolo tot 190 e LDL 132.
Per questo motivo sotto consiglio medico mia madre ha effettuato una scintigrafia e anche un’ecografia alla tiroide che ha evidenziato una tiroidite e un nodulo più grosso a dx. Il referto è questo:
-LOBO DX:
AP mm 17.6
LL mm 25.7
LONG mm 48.6
-LOBO SN:
AP mm 16.8
LL mm 14.9
LONG mm 44.5
-ISTMO mm 1.8
Tiroide aumentata di volume con ecostruttura disomogenea.L’eco color doppler documenta un aumento della vascolarizzazione parenchimale. Presenza lobo destro di grossa formazione nodulare iso-ipoecogena con area colliquativa nel contesto, alonata di 32.5 x 12.3 mm. Lobo sn: non aree nodulari. Trachea in asse. Assenti linfoadenopatie laterocervicali. Successivamente ha effettuato un agoaspirato + esame citologico col seguente referto: Materia in esame: Agoaspirato tirodie lobo destro:
Esame microscopico:
Nel preparato in esame di repertano alcuni tireociti iperplastici,isolati e riuniti in follicoli,con aspetti regressivi,macrofagi e siderofagi.
Presenti alcuni microlembi stromali e scarsa colloide, a volte addensata, su fondo fibrino-ematico.
Quadro citologico indicativo per area regressiva emorragica di vecchia data nel contesto di gozzo.
Categoria diagnostica TIR2
Potete aiutarmi a tradurre questo referto? E’tutto nella norma o c’è qualcosa di cattivo?
Dopo aver fatto questi esami c’è una terapia con dei farmaci da seguire o bisogna solamente fare dei controlli periodicamente?
Abbiamo scoperto questi noduli perché mia madre ha diversi sintomi cioè perdita di peso,raucedine,perdita di concentrazione e difficoltà a ricordare,fiato corto,difficoltà a deglutire,tosse soprattutto quando mangia o ride, stanchezza,insonnia,dolore dietro la nuca,all’orecchio, alla mandibola durante la masticazione,alla parte sinistra del collo,alla spalla e anche dietro a livello della scapola (tutto comunque dal lato sinistro).Questi sintomi potrebbero essere correlati ad una patologia tiroidea?Vi ringrazio in anticipo per la risposta.Saluti.

[#1] dopo  
Dr. Sergio Di Martino

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
TORRE DEL GRECO (NA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2004
Un esame citologico tiroideo, classificato come TIR2 e' da considerarsi benigno.
In ogni caso non e' una nodularita' di piccole dimensioni, per cui andrebbe valutato con l'endocrinologo, se vi siano i presupposti per considerare una eventuale opzione chirurgica.
Indipendentemente dal problema tiroideo, c'e' un valore di Omocisteina aumentato, indicativo di un possibile incremento del rischio tromboembolico.
Questo andrebbe valutato attentamente sia per individuarne le possibili cause che per la gestione terapeutica.
Da considerare anche la correzione terapeutica del valore estremamente basso di Vitamina D.
Dr. Sergio Di Martino
Specialista in Endocrinologia
http://www.medicitalia.it/s.dimartino

[#2] dopo  
Utente 360XXX

La ringrazio per la celere risposta. Mia madre ha una lieve insufficienza mitralica e tricuspidale e dovredde effettuare a breve un doppler transcranico perché ha il forame ovale pervio,cosi da capire se sarebbe utile iniziare a prendere la cardioaspirina? Ma l' assunzione della cardioaspirina e l'omicisteina aumentata potrebbero essere una controindicazione per l' inizio di una terapia tiroidea (tipo cortisone x disinfiammare la tiroide ed eutirox per cercare di ridimensionare il nodulo? ) Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Sergio Di Martino

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
12% attualità
20% socialità
NAPOLI (NA)
TORRE DEL GRECO (NA)
MERCATO SAN SEVERINO (SA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2004
Non vedo indicazioni alla terapia cortisonica e quella con Tiroxina, andrebbe presa in considerazione solo se la funzione tiroidea dovesse alterarsi.
Dr. Sergio Di Martino
Specialista in Endocrinologia
http://www.medicitalia.it/s.dimartino

[#4] dopo  
Utente 360XXX

La ringrazio infinitamente per l'ulteriore chiarimento! Buon week end!