Utente 115XXX
Gentili dottori,

vorrei avere un vostro consiglio su quello che mi sta accadendo da qualche settimana.

Mi capita spesso di sentirmi come dell'aria nello stomaco da buttare fuori, infatti erutto o meglio sembro digerire spesso fin dal mattino.

Il mio dottore di base mi ha dato una cura x un mese con omeprazen e spasmomen somatico. Sono quesi tre settimane che la sto facendo e ho notato che dopo due settimane stavo cominciando gia' a stare meglio poi mi è arrivato il ciclo mestruale e le cose sono di nuovo leggermente peggiorate.

Dopo due settimane avevo smesso di digerire a stomaco vuoto cioe' di prima mattina, oggi dopo circa 3 settimane mi è ricapitato. Il mio dottore mi ha detto che è una sorta di gastrite nervosa e che devo cercare di stare piu' calma.
Visto che la cura è quasi finita comincio a preoccuparmi.
Sia il mio medico che un dottore del pronto soccorso mi hanno detto che non è il caso x ora di fare una gastroscopia visto la mia diciamo giovane eta'.

E' anche vero che sto attravesando un periodo molto stressante.

Grazie dell'attenzione.

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
In effetti potrebbe essere un sintomo tipico del reflusso gastro-esofageo, anche se da solo e' un po' poco per fare diagnosi. Le alternative non sono molte: deve seguire la terapia secondo quanto prescritto e nello stesso tempo cercare di eliminare gli elementi di stress che caratterizzano questa fase della sua vita.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2]  
Dr. Roberto Mangiarotti

28% attività
8% attualità
16% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2004
Gentile Utente,
se il dubbio è quello di un reflusso e/o di una gastrite, in caso di persistenza dei sintomi consglierei comunque una gastroscopia con ricerca dell'Helicobacter pylori. Se la preoccupa il disagio provocato dall'esame endoscopico, le consiglio la tecnica per via trasnasale che rende l'esame decisamente molto più agevole.
Cordiali saluti
Dott. Roberto Mangiarotti

[#3] dopo  
Utente 115XXX

Innanzitutto ringrazio sia il dottor Spina che il dottor Mangiarotti.

Volevo descrivere meglio i miei disturbi.

Tutto è nato all’improvviso con dolori allo sterno che passavano solo dopo aver buttato fuori aria dallo stomaco.

I sintomi che avverto sono i seguenti:

- stomaco gonfio che bolle fin dal mattino appena
sveglia
- rari bruciori alla bocca dello stomaco
- quando avverto un aumento di ansia, sento dolori
sopra allo sterno che si placano solo dopo
aver eruttato

- e soprattutto digerisco spesso. Prima della cura con omeprazen e spasmomen ogni 30 minuti, adesso dopo quasi un mese di cura le eruttazioni mattutine si sono fatte minime ma sono abbastanza insistenti dopo soprattutto il pranzo principale ( quello di mezzogiorno).

Durante la notte il disturbo non c’è.Dormo abbastanza bene, magari a volte mi capita di svegliarmi prima del solito ma non ho problemi.

Prima della cura bastava che bevessi un semplice bicchiere d’acqua che comiciamo a buttar fuori aria. Ora mi sembra che questo sia passato.

Ho notato pero' una cosa che mi capitava prima e anche adesso che prendo i medicinali che vi ho descritto, e cioe' che se passo da una posizione all'altra ( cioè ad esempio sono seduta e devo alzarmi o viceversa) mi viene da eruttare. Se prima mi capivata a stomaco anche vuoto, adesso mi sembra solo che cominci dopo che ho magiato qualcosa.
E soprattutto ho notato che se mi siedo su un divano , la posizione che assumo mi insacca troppo e mi porta un peso allo stomaco.


Premetto che sto passando un periodo di forte stress emotivo e che sono da sempre una persona nervosa.
Ho anche notato che se parlo un po’ di più, mi viene da eruttare subito dopo che smetto e ho il vizio di deglutire molto anche a vuoto, cioè deglutisco saliva spesso.

Sia il mio dottore di base che il medico del pronto socccorso che mi ha visitato mi hanno detto che non è il caso x ora di fare una gastroscopia visto la mia giovane eta’ ( 37anni ) e che non devo mettermi in testa strane idee…e soprattutto perché hanno associato questo mio problema proprio al mio stato di ansia generale dovuto alla mia situazione attuale ( senza lavoro e tra un mese mi sposo).

Certo la gastroscopia è un esame invasivo , lo so, ma non mi preoccupa tantissimo.

Ancora una domanda: dopo mangiato, normalmente quante volte una persona dovrebbe digerire? Cioè è possibile quello che ho letto una volta su un forum, in cui si diceva che in una persona sana, dopo ogni pasto, è normale l’ atto del digerire da una a 4 volte nelle tre ore successive alla fine del pasto?

Grazie ancora.

[#4]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
16% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2008
La digestione e' una sola: lei probabilmente si riferisce alle eruttazioni. Per queste non c'e' una regola fissa, dipende dalla fermentazione tipica degli alimenti che ha assunto e in buona parte anche da quanta aria e' stata "ingerita"; e da quello che descrive pare che lei abbia proprio come vizio quello di deglutire aria!
Ribadisco comunque che, oltre a seguire la terapia prescritta, e' molto importante agire sulle abitudini alimentari e sugli elementi di stress che sono presenti in questi giorni.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com