Utente 485XXX
Non ho trovato risposte chiare su alcuni quesiti posti sugli ossiuri
Il mio bambino di 3 anni ha gli ossiuri. Ho bisogno che qualcuno mi spieghi come funziona perche' sia il pediatra che il mio medico la fanno semplice e non mi hanno spiegato nulla. Dai forum vedo che è molto difficile debellarli quindi non capisco perche' si prenda sotto gamba la questione.
Il ped ha prescritto al bambino il Combantrin da ripetere ogni 15 giorni per 4 volte. cOSI' anche per noi ma da ripetere solo due volte come profilassi.
Domanda: da cio' che ho capito il verme deposita le uova e poi muore. Se si prende il Combantrin muoiono i vermi ma non le uova, pero' le uova non si apriranno tutte nello stesso momento quindi dopo 15 giorni il bimbo sara' d nuovo pieno e cosi' via . Secondo me il circolo non si chiudera' mai. Quanto dura l'effetto del farmaco ? Se dura il giorno in cui si è preso e basta ogni giorno si schiuderanno nuove vuova . Quando nascono gli ossiuri dopo quanto si possono riprodurre ? Forse è questo il fattore determinante ? Se i vermi grandi muoiono e si aprono le uova il farmaco potraì eliminarli prima che si riproducano di nuovo ? Facciamo una igiene scrupolosa quasi maniacale ma è molto dura. Alla mattina lo sveglio lo cambio lo lavo e cosi' facciamo noi . Nel frattempo igienizziamo tutto il bagno dopo ogni uso e mettiamo in un sacco tutti i vestititi e le lenzuola che pi laviamo a 60/70 gradi con Napisan. Io poi utilizzo alla fine il vaporetto in tutto il bagno. Appena torna dall'asilo lo ricambio e lo lavo e cosi' a meta' pomeriggio e alla sera quando lo riacciamo tutti. Gli faccio lavare spessissimo le mani e speriamo di riuscire a debellarli. Domani dovrei dargli la seconda dose di Combantrim dato che sono passati i 15 giorni ma questa sera all'interno dell'ano mi è sembrato di vedere un "OSPITE". Se domani debelliamo di nuovo gli adulti ma nel frattempo erano gia' state deposte uova magari fra una settimana ci saranno nuovi adulti che depositeranno altre uova !!!

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Cara signora, comprendo benissimo il suo senso di frustrazione per una infestazione non facile da debellare.
Tenga conto che esiste anche un'altro ambiente che potrebbe essere coinvolto: l'asilo.
Inoltre spesso si consiglia una terapia antiparassitaria per tutti i componenti del nucleo familiare, in occasione di tale diagnosi.

Pertanto la invito a coinvolgere sia il suo pediatra che il medico della AUSL.

Cordiali Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente 485XXX

In effetti come ho scritto anche noi stiamo facendo la profilassi anche in assenza di sintomi. La cura è stata prescritta dal pediatra che è il medico della ASL. Purtroppo pero' come spesso accade ci ha dato pochissime spiegazioni. Al di la' del fatto che sicuramente il rischio asilo esiste ma che poco si puo' fare , avrei biso gno di capire come agiscono questi ossiuri in modo da poter agire per il meglio. Ieri ad esempio con mio marito ci chiedevamo cosa accade alle uova che vengono depositate intorno all'ano. Si schiudono subito e dopo i piccoli vermi risalgono da soli ? una volta deposti dopo quanto si schiudono? E poi capire appunto per quanto tempo è attivo il farmaco.

[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Per notizie parassitologiche più ampie le offro un link:

http://www.enterologia.it/parassitosi.html

Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente 485XXX

La ringrazio per il link che avevo gia' letto e devo dire che era una tra le spiegazioni meglio fatte che io abbia trovato. Per altro vedo ora il suo nome e quindi le faccio i miei complimenti dato che il sito è il suo.
Purtroppo pur trovando qualche informazione in piu' non riesco comunque a capire dal momento della deposizione delle uova quanto tempo ci mettono le larve ad aprirsi e diventare adulti capaci di riprodursi e per quanto tempo agisce il farmaco.
Nel sito c'è scritto che le uova sono infestanti dopo pochi minuti ma cosa significa?
Se il trattamento agisce solo nel giorno dell'assunzione e i girni a seguire si aprono le uova precedentemente deposte il circolo non ha fine. Come ci si puo' liberare di questi parassiti ?
C'è uno specialista più appropriato al quale poter rivolgersi e portare il bambino? Oltre tutto io parlo di bambino ma noi non sappiamo se li abbiamo, io credo di si anche se nn abbiamo sintomi. La pulizia è scrupolosa in casa, quasi ossessiva ma non serve. Dopo 15 giorni , poco prima dell'assunzione della nuova dose il bambino aveva già ripreso a grattarsi. Non esistono cure che coprano un tempo piu' lungo e non siano troppo dannose ?

[#5] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Il ciclo terapeutico copre due settimane,
ma, come penso di averle lasciato intendere,
per sperare in un reale successo terapeutico,
prenderei in considerazione anche l'asilo,
in quanto ambiente frequentato dal bambino.

Per delucidazioni parassitologiche approfondite può postare una richiesta di consulto in area infettivologica.

Cordiali Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente 485XXX

Grazie. Purtroppo per l'asilo la cosa è difficoltosa. Viene dato un comunicato e stà alle famiglie attivarsi. I bimbi sono molti e alcuni genitori agiscono altri no. Purtroppo poi nei paesi piccoli non si trovano troppe informazioni.
Grazie

[#7] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Si figuri.

Auguroni
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it