Utente
Premetto che soffro da tempo di ernia iatale e gastrite cronicae problemi allo stomaco prendevo tutte le sere una compressa di MOTILEX. Negli analisi di un anno risultava la presenza di cristalli ossidati di calcio nelle urine. Dieci giorni fa una colica improvvisa molto dolorosa accompagnanata da nausea e vomito. da contrlli effetyuati un polipo di 2 mm alla coliciste e un calcolo di 2 mm ai reni. Sono stata in pronto soccorso mi hanno fatto una fenadol con ulcex ma dopo 6 ore nuovamente coliche forti con nausea e vomito per tutta la notte. Quindi da qui la decisione di ricoverarmi. Appena arrivata in ospedale mi hanno fatto subito gli analisi ma nn hanno comunicato i risultati. intanto hanno trattaco la colica renale con Due bombardamente CON IL LITOTRISSORE E IL CALCOLO SI è SPOSTATO nell'uretere. adesso nn ho coliche. Durante il ricovere antispastici e due colpi d'acqua con lasix. Non ho preso il motilex nei giorni di rocvere e loro nn mi hanno dato protezione per lo stomaco. Adesso mi ritrovo con forte dolore alla bocca dello stomaco, bocca amara e urti. E possibile che dipende dalle medicine che mi hanno fatto? Dagli analisi che mi avevano fatto allo ospedale era risultato il ferro basso a 19. Si è abbassato a casa di questa situazione? Adesso mi hanno prescritto per cura Rilaten 1 compressa due volte al giorno senza indicazione se prima o dopo pranzo e renalit combi. inoltre il medico di base mi ha dato il ferro grad(mi da fastidio allo stomaco). dopo che prendo RILATEN E IL FERRO sento il dolore più forte. Posso prendere anche il MOTILEX la sera? o devo prendere qualche altra protezione.

[#1]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
In linea di massima, considerando l'ernia iatale e la gastrite cronica che le hanno diagnosticato in passato, sarebbe opportuna una protezione gastrica con appositi farmaci. Tuttavia queste sono prescrizioni che debbono essere fatte dal Medico che la tiene in cura, dato che tramite internet questo non e' possibile. Ci possono anche essere dei motivi (a noi sconosciuti) per cui nel suo caso certi farmaci le darebbero piu' problemi che protezione, e magari e' questo il motivo per cui non le hanno prescritto altro. Oppure, piu' semplicemente, lei non ha raccontato correttamente la sua storia clinica, e le sue patologie pre-esistenti non sono state considerate. Ne parli con chi la segue e vedra' che una soluzione la troverete di certo.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#2] dopo  
Utente
Gentile Dottore,
l'unica cosa che ho dimenticato di scriverle e che ho u polipo di 2 mm alla coliciste e soffro di emorroidi.
Ho finito la cura con rilaten (che mi dava fastidio allo stomaco) proprio stasera. Ho sentito il mio medico curante e mi ha detto di prender Pranzol tutte le mattina per proteggere sostituendolo al posto di motilex , a pranzo FERROGRAD per il ferro e i continuare con renalit combi come da cura per altri 7 giorni.
L'unica preoccupazione mia adesso e come mai questo ferro basso? I market tumorali CEA 1,15 , la VES è a 15. Colesterolo totale 263, trigliceridi 67 nella norma e glicemia a 132. GB 11,80 GR 4,49 HGB 13,2 HCT 39,4 PLT 307 N%92,2 L% 5.6 M% 2 E% O,O B% 0,2 SGOT 38 SGPT 16 GGT 34 SIDEREMAIA 19 CALCIO 10 KALIE 3,80 NATR. 143 CREAT. 1,10 B.TOT 0,61 BIL. DIR. 0,18 BIL. IND. 0,43 ALB. 61,20 ALB. GLO 1,58 cpk 759 kalie 3,80 AMILASI 74 P.AMILASI 54 URINE LEUCITI 25 TSM 0,509 FT3 5,12 FT4 24,73 HSAG NEG ANYIHCv NEG Secondo Lei da cosa può dipendere questa diminuzione di ferro?

[#3] dopo  
Utente
questi consigli sono per mia mamma che ha 55 anni

[#4]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Per prima cosa mi scuso per risponderle con ritardo, ma sono stato fuori dall'Italia fino ad oggi.
Difficile dire da cosa possa dipendere una sideremia cosi' bassa: considerando che i valori dell'emocromo sono normali non c'e' nemmeno da pensare ad una anemizzazione, almeno non recente.
Comunque sono contento che sua mamma sia passata ad utilizzare un farmaco piu' adatto per proteggere lo stomaco: forse adesso la cura con il ferro potra' essere continuata (sempre secondo le prescrizioni del suo Curante) senza i fastidi allo stomaco di cui si lamentava la settimana scorsa. Vediamo che risultati ne verranno: in caso di insuccesso completo forse sara' necessario effettuare qualche ulteriore accertamento.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com

[#5] dopo  
Utente
Buonasera dottore
innanzitutto la ringrazio per gentilezza.
In effetti il calo di ferro c'è stato in 4 giorni per il 12 luglio era a 66 il 18 luglio a 19. Forse le coliche o il vomito per tutto la notte hanno provocato il calo.
Da altri controlli effettuati nei giorni seguenti tramite esofagogastroduodenoscopia con biopsia. è risultata una ulcera gastrica di 2 mm, helicobactery positivo, grastrite e malattia da reflusso. Siamo in attesa di ricevere l'esame istologico. Addesso è in cura con pariet, zimox e veclam per una settimana e pariete per altre 5 settimane. E a settembre deve rifare in controllo endoscopico (in che consiste?) Secondo lei è normale che sente la bocca amara,dice di sentirsi molto bebole, inoltre lamento un dolore al fianco destro. Dipende tutto dalla cura che sta facendo? sono gli antibiotici che gli provocano tutto questo? Puo continuare la cura.
Per evitare troppi farmaci durante questa cura ha bloccato la cura con ferrograd e renalit-combi.
Ho una paura enorme speriamo che dall'esame istologico non risulti niente di grave..Lei è molto preoccupata che possa avere qualcosa di grave.
Grazie ancora.
Aspetto presto sue notizie

[#6]  
Dr. Stefano Spina

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
4% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2008
Allora tutto si spiega: l'ulcera gastrica ha sanguinato e ha causato una perdita di sangue e di ferro. Niente paura: la terapia che sta facendo sua mamma in genere e' in grado di porre rimedio al problema. Il controllo endoscopico (cioe' una gastroscopia di controllo) sara' necessario per verificare gli esiti a fine terapia.
Cordiali saluti
dott. Stefano Spina
www.stefanospina.com