Utente
Salve,
ho effettuat l'ecografia morfologica alla ventunesima settimana ed ecco i parametri biometrici:

BDP 54 (40° percentile)
TCD 24 (74° percentile)
HC 194 (53° percentile)
AC 159 (19° percentile)
FL 39 (91° percentile)
Omero (73° percentile)
HC/AC (87° percentile)

Vorrei sapere se la CA al 19° percentile puo' far supporre che il bambino non stia crescendo adeguatamente (mentre invece il femore e' al 91) oppure se e' tutto nella norma.

Grazie, saluti

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
E' importante valutare i dati biometrici delle precedenti ecografie,e metterli a confronto.Corrispondeva l'epoca di amenorrea con l'epoca gestazionale?SALUTI!
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Salve,
l'epoca gestazionale era assolutamente sincrona con l'epoca di amenorrea (21+3).
In una precedente ecografia fatta prima dell'amniocentesi, alla 16+3, i valori erano:
BDP: 34 HC: 134 DTC: 17 OMERO: 21 FL: 21.
Grazie e cordiali saluti

[#3]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
16% socialità
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
SOLOFRA (AV)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Mi inserisco nella discussione con l'esimio Collega Blasi solo per dirle che il rapporto FL/AC è del 24% circa. Ciò, secondo Hadlock, costituisce un valore predittivo di crescita rallentata, specie dopo la 30ma settimana.
Visto che la gestazione corrisponde in termini di settimane ecografiche/settimane di amenorrea, Le consiglierei un Doppler delle arterie uterine fra circa 1 settimana. La valutazione di quest'ultimo, sia in termini di valore dell'indice di resistenza sia della morfologia dello spettro dell'onda sfigmica, potrebbe essere indicativo di ciò che Le ho precisato.
Cordialmente.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#4] dopo  
Utente
Salve,
contestualmente alla morfologica e' stato fatto anche il Doppler.
Ecco i dati:

"-Arteria Uterina Destra RI 0,49, Pulsatility Index 0,75
-Arteria Uterina Destra Notch assente

-Arteria Uterina Sinistra RI 0,76, Pulsatility Index 1,67
-Arteria Uterina Sinistra Notch assente
-Valore Medio Pulsatility Index 1,21

Liquido amniotico normale AFI 145 mm
Note: Accrescimento fetale nella norma
L'esame Doppler ha dimostrato delle normali resistente uterine deponenti per una adeguata invasione del trofoblasto"

Cosa ne pensate?

Grazie ancora, saluti

[#5]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
16% socialità
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
SOLOFRA (AV)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Sull'arteria uterina non si usa l'indice di Pulsatilità, ma l'indice di resistenza che, nel caso dell'uterina di sinistra è elevato (superiore a 0,65). Occorrerebbe sapere se il lato sinitro è quello placentare o meno (lato sul quale la placenta è inserita).
Cordialmente.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli

[#6] dopo  
Utente
Salve dottore,
non mi pare purtroppo di aver letto mai questa informazione nelle varie ecografie fatte (translucenza, premorfologica e morfologica), so solo che la placenta e' posteriore...

Dopo la sua risposta mi sono ulteriormente documentata e ho letto cio' che di seguito le riassumo in due punti:

-In questa fase di gravidanza, si avrebbe di norma un accrescimento prevalente delle ossa lunghe e del cranio. Dopo la 25 settimana in proporzione aumenterà maggiormente la circonferenza addominale
-I valori flussimetrici delle arterie uterine possono normalizzarsi entro la 25 settimana. Alla 20 infatti spesso si trovano ancora resistenze aumentate.

A questo punto, non ho piu' chiaro se devo ritenere tali valori un campanello da monitorare con maggiore accuratezza (come lei nelle sue risposte sembra suggerirmi) nel breve periodo o posso anche aspettare l'ecografia di accrescimento.

Sono confusa anche dal fatto che invece, nelle note dell'ecografia, si dice "normali resistente uterine deponenti per una adeguata invasione del trofoblasto".

Grazie per la disponibilita' e cortesia,
distinti saluti

[#7]  
Prof. Ivanoe Santoro

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
16% socialità
MERCATO SAN SEVERINO (SA)
SOLOFRA (AV)
FIRENZE (FI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2007
Ciò che ha letto è prevalentemente vero...ma non tanto.
la normalizzazione degli indici di resistenza delle arterie uterine (così come di eventuali anomalie della morfologia dell'onda sfigmica) si deve verificare di norma fra la 22ma e 23ma settimana, non alla 25ma (ovviamente un reperto ancora patologico o in termini di indice di resistenza o di morfologia spettrale alla 25ma settimana è altrettanto patologico), per cui il riconoscimento in quell'epoca (22 - 23 settimane) delle suddette anomalie ha come risvolto una terapia farmacologica di prevenzione dell'insufficienza placentare (e del ritardo dell'accrescimento intrauterino del feto), oltre che della comparsa di uno stato di ipertensione gravidanza indotta, più precoce.
In altri termini: se le anomalie suddette non si normalizzano entro massimo la 23ma settimana, è buona regola iniziare con la terapia di prevenzione, oltre a monitorare costantemente la pressione arteriosa con rilievi fatti in momenti diversi della giornata.
Per le discrepanze biometriche, ribadisco il concetto già espresso. Il superamento del limite di 23,5 quale rapporto fra femore e circonferenza addominale, almeno nella mia personalissima esperienza, è indice se non di conferma di un ritardo di crescita a partire dalla 30ma settimana, quanto sicuramente di una situazione...da tener d'occhio in questo senso.
Mi faccia sapere se dopo la 30ma settimana vi sono state delle discrepanze biometriche fra le misurazioni dell'estremo cefalico e degli arti, rispetto alla circonferenza addominale.
Saluti.
Prof.Dr.Ivanoe Santoro
Spec.Ostetrico/Ginecologo
Resp. UOS di P.S.OST/GIN e Med.Perinatale Ospedale di Solofra(AV) Prof. Anatomia Umana Univ. Napoli