Utente 170XXX
Buongiorno, scrivo per avere un parere riguardo alla diagnosi prospettata per il mio problema. Sono andata dalla ginecologa all' età di 21 anni per la presenza continua e espansa di acne su viso e schiena. Durante l adolescenza non ho sofferto di acne; questo problema s è presentato qualche mese dopo aver interrotto la pillola yasminelle, assumta per due anni. La ginecologa mi prescrive i dosaggi ormonali, i cui esiti sono:
SHBG 108.7 (nmol/L 19.8 - 155.2)
FSH 10.80 (mUI/ml fase follicolare: 3.03 - 8.08
picco metà ciclo: 2.55 - 16.69
fase luteale: 1.38 - 5.47

E2 Estradiolo 317 (pg/mL fase follicolare: 21-51
metà ciclo: 38-649
fase luteale: 21-312

P Progesterone 0.9 (ng/mL fase follicolare:<0.1-0.3
fase luteale: 1.2-15.9

Testosterone 0.37 (ng/mL premenopausa: 0.10-0.56

Cortisolo 15.50 (ug/dL 3.70-19.40)
Insulina 12.60 (uU/dL 1.00-22.70)

Eco pelvica: micropolicistosi ovarica con diam. Max 16mm

La diagnosi fu una eccessiva produzione di ormoni, inutili, che vanno a sfogare nella pelle con acne, e csti ovariche; soluzione pillola daylette per due anni.
Ho interrotto la pillola dopo due anni, dopo aver avuto una serie di problemi come calo del desiderio, candida ricorrente ogni mese dopo il ciclo, dolore insopportabile durante i rapporti. Dopo solo un mese l'acne inizia a farsi vedere sia nel viso che nella schiena. Parlandone con il mio medico ho deciso di provare ad assumere l'inositolo, 2 g al giorno. Vorrei quindi avere da voi un parere sui valori su esposti, sulla diagnosi elaborata e sull assunzione di inositolo o di qualche altro integratore che possa essere utile per la mia situazione, in sostituzione della pillola che vorrei evitare di assumere nuovamente. Grazie

[#1] dopo  
Dr.ssa Miriam Dedè

20% attività
0% attualità
0% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2016
Per poter fare una valutazione corretta dei dati ormonali che presenta bisognerebbe sapere in quale momento del ciclo sono stati dosati gli ormoni stessi, in quanto i valori sono strettamente legati all'evoluzione del ciclo, quindi è impossibile darle una valutazione efficace di tali valori.
Riguardo alla sua situazione generale, la diagnosi di ovaio policistico è certamente rispondente ai sintomi che riporta in assenza di pillola; tenga però presente che se la pillola in genere è ottima per la correzione del problema, agisce sull'ovaio fino a quando viene assunta, alla sospensione spesso le ovaie nel giro di qualche mese ritorna alla sua situazione funzionale precedente.
L'inositolo sicuramente sta dando buoni risultati, ma non tutti gli inositoli sono identici, e funzionano ma con tempi di assunzione lunghi, quindi non si aspetti il risultato immediato ma un riultato progressivo nel tempo. Per poter valutare se siano possibili altri aiuti alternativi bisognerebbe avere dei dati aggiuntivi sulla sua situazione generale che sono a mio avviso difficili da valutare in due righe di post.
Dr.ssa Miriam Dedè

[#2] dopo  
Utente 170XXX

Buongiorno, grazie mille per la celere risposta. Purtroppo ho dimenticato di inserire quel dato che lei ha richiesto, provvedo ora: ho effettuato il prelievo il giorno 5/12, l'ultima mestruazione fu il 19/11 e la successiva il 18/12.
Per quanto riguarda l'inositolo, lei dice non tutti sono uguali; come posso cercare quello più adatto a questo problema? Ci sono delle caratteristiche particolari da valutare? Quello che sto assumendo ora riporta nell erichetta:
Ingredienti per due compresse (0.800g caduna): inositolo 1000mg, agente di carica (calcio fosfato bibasico), addensante (carbossimetilcellulosa di sodio), antiagglomeranti (acido stearico e magnesio stearato vegetali), agenti di rivestimento (idrossipropilmetilcellulosa e polietilenglicole), coloranti (riboflavina e biossido di titanio)

[#3] dopo  
Dr.ssa Miriam Dedè

20% attività
0% attualità
0% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2016
L'inositolo in questione è d-chiro-inositolo o myo-inositolo? o sono presenti tutti e due?
Dr.ssa Miriam Dedè

[#4] dopo  
Utente 170XXX

Non è specificato, c'è scritto solamente "**** è un integratore alimentare di inositolo. L'inositolo (la cui forma più attiva è il mioinositolo) è un diretto precursore dei fosfilipidi (i maggiori costituenti delle membrane cellulari) ed è anche considerato un fattore "lipotropo" in quanto svolge un'azione favorevole sul metabolismo dei grassi."
Sarebbe forse meglio cercare un integratore più specifico?

[#5] dopo  
Dr.ssa Miriam Dedè

20% attività
0% attualità
0% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2016
Se puo' esserle utile io di solito consiglio Inofert Combi in quanto contenente una dose bilanciata correttamente di ambedue gli inositoli, che trovo molto funzionale per queste situazioni, al dosaggio almeno in fase iniziale di 2 cp al giorno per almeno i primi sei mesi. poi in genere si rivaluta la situazione per vedere se ci sono stati miglioramenti e decidere eventuali variazioni.
Dr.ssa Miriam Dedè

[#6] dopo  
Utente 170XXX

Mi é molto utile il suo consiglio, La ringrazio veramente tanto per la sua disponibilità.