Utente 321XXX
Gentili dottori, come da titolo, ormai da 5 mesi una delle due ghiandole di Bartolino è stabilmente enorme. In passato ho riscontrato altre volte, spessissimo, del gonfiore temporaneo in queste zone, a volte a dx, a volte a sx, ma non me ne sono mai preoccupata perché si risolveva sempre da solo in breve tempo e non era accompagnato da dolore (inoltre, lo ammetto, non sapevo dell'esistenza di queste ghiandole).
Circa 5 mesi fa ho fatto una terapia antibiotica per un intervento (di altro tipo) e da allora, oltre ad aver notato un cambiamento sostanziale nella lubrificazione, la ghiandola dx è stabilmente ingrossata. Penso che misuri almeno 3 cm di diametro, forse di più, è così gonfia da risultare parecchio ingombrante. Tuttavia non mi dà il fastidio al tatto, non sento dolore di nessun tipo, nemmeno un po' di indolenzimento, e questo è il motivo per cui finora non mi sono preoccupata.
Sinceramente, non ho testa né voglia di fare una visita, a meno di motivi importanti. Per cui chiedo a voi, c'è da preoccuparsi o posso lasciarla stare e vedere come va?
A proposito della lubrificazione, dopo la terapia antibiotica ho notato che è aumentata di molto (prima era scarsa o assente). Sono sicura che sia lubrificazione normale, non ha niente di insolito, è incolore e inodore com'è sempre stata, ma non mi spiego il legame con la terapia antibiotica visto che non ho mai avuto sintomi di infezioni a livello vaginale (mai avuto macchie particolari, pruriti o cattivi odori). Che devo pensare? Cosa mi consigliate?

[#1] dopo  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
La visita è importante per poter fare diagnosi differenziale tra CISTI o ASCESSO della ghiandola del BARTOLINI.
Per questo motivo non sono in grado di poterle offrire una risposta adeguata .
Dalla storia clinica che ha descritto , potrebbe trattarsi di una cisti della ghiandola , non di un ascesso.
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI