Utente
Egregi dottori, vi scrivo in merito ad un evento accaduto nell'ottobre del 2006 in cui mia zia ha perso la vita.
Dopo aver portato a termine la gravidanza è stata sottoposta ad un cesareo.
Il bambino vive ancora ed è in ottime condizioni.
Purtroppo la madre una settimana dopo il parto è deceduta.
Nel corso di questa settimana presentava una febbricola costante che aumentava la sera, ma soprattutto perdite di sangue dai punti del cesareo, a questo si aggiungeva una forte debolezza.
Questi sintomi possono essere associati alla morte o no?
L'autopsia è stata svolta un mese dopo, ma non è stato riscontrato nulla.
(il referto parla di un cervello già liquefatto)

[#1]  
Dr. Nicola Blasi

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
BARI (BA)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2007
E' importante in questi casi leggere il reperto autoptico, valutare l'andamento della gravidanza escludendo patologie trombofiliche, gestosi , malattie renali , diabete.
Quindi è difficile, con così scarse notizie, stabilire un nesso clinico tra l'evento gravidanza /cesareo e l'evento decesso .
SALUTI
dott.Nicola Blasi
specialista in Ginecologia e Ostetricia. Patologia Cervico-vaginale e vulvare.

BARI

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille per la risposta. I dettagli che hanno fatto seguito al cesareo(febbre, perdite, debolezza) sono normali(risposta fisiologica) o no? grazie ancora.