Utente 344XXX
Buongiorno,
ho effettuato la RMN e risulta dislocazione anteriore del menisco sinistro. Ho anche deviazione mandibolare lato sinistro. Solo ora ho fatto la RMN ma il click mandibolare è sorto circa 5 mesi fa. Il dentista mi ha consigliato subito dopo il click di aprire poco la bocca e mangiare cibi molli. Sono stato una settimana fa da un gnatologo il quale sostiene che avendo ora solo il click tardivo (certi giorni non lo sento proprio neppure con la massima apertura della bocca) significa che il menisco non può più essere ricatturato. In pratica è passato troppo tempo da quando è insorto il click mandibolare inizialmente presente anche durante la masticazione. So che alcuni gnatologi suggeriscono comunque uso del bite di riposizionamento con successiva applicazione di un apparecchio fisso sulle arcate dentarie se necessario. Vorrei cortesemente sapere se condividete la diagnosi di impossibilità di ricattura del disco tramite bite dato il tempo trascorso e se può essere utile la fisioterapia.
Grazie per la collaborazione.

[#1] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Gentile Paziente,
lei scive: "So che alcuni gnatologi suggeriscono comunque uso del bite di riposizionamento con successiva applicazione di un apparecchio fisso sulle arcate dentarie se necessario". : sono senz'altro fra questi
"Vorrei cortesemente sapere se condividete la diagnosi di impossibilità di ricattura del disco tramite bite dato il tempo trascorso"
R: Anzitutto non é il tempo di insorgenza l'unico parametro che interviene: é evidente che via rete manchi il determinante riscontro di una visita diretta.
La ricattura del disco é inizialmente un obiettivo della terapia, ma non consiste un netto spartiacque tra un successo o un insuccesso terapeutico. Con un click si può anche convivere, ma, a mio parere, solo se si é fatto tutto per evitare che peggiori, altrimenti tendenzialmente peggiorerà e potrà arrivare a situazioni anche molto pesanti.
In particolare, comunque, nel suo racconto manca del tutto la descrizione complessiva del suo caso, e sopratutto dei sintomi che, eventualmente presenti, possono essere collegati al problema dell'Articolazione Temporo Mandibolare (ATM): cefalea, vertigini, otalgia, cervicalgia disturbi respiratori, russare notturno.

"e se può essere utile la fisioterapia".
R: si, ma la fisioterapia non può modificare l'"ingranamento" dei denti, e di conseguenza la sintomatologia sostenuta da una malocclusione con malposizione mandibolare e disfunzione dell'ATM, pur essendo spesso molto utile nel coadiuvare la terapia gnatologica.

Le suggerirei di dare un'occhiata all'articolo linkato qui sotto, nell'ipotesi che lei possa riscontrarvi elementi di somiglianza con il suo problema. Cordiali saluti ed auguri.

www.studiober.com/pdf/Cefalea_Otite_Cervicalgia.pdf



Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#2] dopo  
Utente 344XXX

Egregio Dottore, la ringrazio per la chiarezza della sua risposta.
Preciso che unici sintomi del problema sono il click, che però sembra quasi non più presente e la deviazione mandibolare.
Non ho altri sintomi, nessun dolore e nessun disturbo funzionale. La panoramica mostra artrite al condilo destro, quello che non ha generato click. Il sinistro da cui sentivo il click è morfologicamente normale ma bloccato nel suo movimento dal menisco dislocato anteriormente al condilo stesso.
Ho sempre masticato maggiormente dal lato destro e forse questo potrebbe aver provocato l'artrite al condilo destro. Per il resto l'unico evento importante è stato un impianto dentale su arcata inferiore destra. Questo impianto non si è osteointegrato in maniera perfetta e non so se anche questo fatto possa essere una delle cause del problema all' ATM.
Senz'altro la cosa più importante è individuare le cause del mio problema per evitare problemi in futuro ma resta il fatto che per il mio caso vi sono gnatologi a favore del bite e altri a sfavore. Questo mi fa sentire disorientato perché non ho elementi per capire cosa sia meglio.
Per prudenza cercherei come prima cosa di risolvere eventuali problemi di malocclusione (in passato nessun medico ha mai segnalato problemi) e valutare cosa fare con il molare non perfettamente osteointegrato.
Le chiedo comunque se sulla base della sua esperienza il bite è stato in grado di ricatturare il menisco anche dopo mesi dall'avvenuta dislocazione.
La ringrazio

[#3] dopo  
Dr. Edoardo Bernkopf

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PARMA (PR)
VICENZA (VI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2008
Anzitutto bisogna capire se si tratta di un blocco serrato, cioé di un locking che non si riesce a ricatturare, ma se le hanno parlato di click tardivo non dovrebbe essere così: la RM a bocca aperta dovrebbe aver detto qualcosa, anche se l'approccio clinico (cioé manuale) in mani esperte é per certi aspetti più importante.
Come le dicevo il lungo tempo dall'insorgenza é parametro importante nel giudizio, ma non unico.
Le sconsiglio vivamente di pensare ai denti (cioé alla malocclusione) prima di aver considerato il problema articolare.
Il problema dell'impianto probabilmente é a sè stante.
Non credo che via rete si possa dire di più.
Cordiali saluti ed auguri
Dr. Edoardo Bernkopf-Roma-Vicenza-Parma
Spec. in Odontoiatria, Gnatologo- Ortodontista
www.studiober.com edber@studiober.com

[#4] dopo  
Dr. Daniele Tonlorenzi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
CARRARA (MS)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2006