Utente 373XXX
Salve,
vorrei porre alla vostra attenzione il mio caso:

Premetto che ho 30 anni e non ho mai sofferto finora di disturbi temporo mandibolari.
Circa 15 giorni fa ho avuto un trauma alla guancia destra, in realtà definirlo trauma potrebbe sembrare esagerato visto che si tratta di un pizzicotto datomi dalla mia ragazza mentre stavamo cenando. Purtroppo ho la sfortuna di avere delle guance diciamo "piene" e la mia ragazza spesso mi scambia per un antistress.

Subito dopo questo piccolo grande trauma ovviamente ho avuto credo una reazione normale di fastidio, ma dopo poche ore ho avuto dei sintomi inaspettati:

- moderato gonfiore della guancia destra;
- dolore acuto (tipo fitte) all'apertura della mandibola e conseguente limitazione nell'apertura stessa.
- bruciore interno pulsante

Con la tachipirina e molta pazienza (sofferenza) il dolore acuto è passato nell'arco di 2-3 giorni circa fino a scomparire del tutto (o almeno cosi credevo).

Infatti nell'arco degli ultimi giorni sto avendo delle piccole e frequenti ricadute, ovvero capita che quando faccio determinati movimenti o mangio cibi duri, il fastidio ritorna con gonfiore e fastidio pulsante (non acuto, tanto sopportabile quanto fastidioso).

Oggi nuovamente a pranzo ho avvertito ad un piccolo movimento una specie di "click" nella zona atm e conseguente gonfiore della zona (si sente al tatto che la zona si gonfia e tale sensazione è avvertibile anche internamente).

E' normale?

Cosa mi consigliate?

grazie mille

[#1] dopo  
Dr. Marco Finotti

Referente scientifico Referente Scientifico
44% attività
4% attualità
20% socialità
PADOVA (PD)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2006
le consigliamo una visita gnatologica in quanto i sintomi da lei riferiti possono corrispondere ad una incoordinazione condilo meniscale e quindi ad un problema dell'ATM
nel frattempo eviti di forzare l'apertura della bocca anche provando a valutare se c'è o meno il click e di che entità, abbia unafieta morbida e mastichi i cibi lentamente. gli impacchi tiepidi all'esterno possono esserle d'aiuto
cordiali saluti
Finotti Marco
www.implantologiaitalia.com
www.centromedicovesalio.it

[#2] dopo  
Utente 373XXX

Gentile Dr. Finotti,
anzitutto la ringrazio per la risposta e il consiglio datomi, che ho ovviamente seguito.
Circa 2 settimane fa mi sono infatti recato da uno gnatologo il quale dopo anamnesi e visita mi ha riferito che probabilmente il curioso trauma ricevuto mi ha causato un accavallamento dei muscoli masticatori, che normalmente invece sono affiancati.

Mi ha consigliato di fare un esercizio di stretching mandibolare da entrambi i lati, che ho effettuato solo per 3 giorni. Infatti al terzo giorno, forse sbagliando movimento o forse per altro, ho sentito un click anche all'altra mandibola durante lo streching, avendo subito dopo i medesimi fastidi (molto minorati però come intensità) dell'altro lato. Ho anche seguito una terapia di muscoril compresse orosolubili 8 mg al giorno per 5 gg.

Da allora alterno momenti di pseudo guarigione a momenti di continua tensione della zona (non ho più gonfiori e i denti riesco ad allinearli bene, come sempre!).

Avverto tuttavia ancora quella fastidiosa sensazione come se facessi fatica ad aprire la mandibola...avverto sempre una sensazione, seppur leggera, di calore interno....come se mi tirasse qualcosa ....

Secondo lei è normale? Il medico mi disse cmq che ci voleva del tempo, ma che facendo stretching avrei abbreviato la guarigione....sinceramente non me la sento di rischiare ....forse ormai mi sono condizionato, essendo anche un soggetto ansioso e facilmente stressabile....


Che mi consiglia?

grazie