Utente 524XXX
Esimi specialisti,
da circa un anno avverto problemi muscolo-tensivi di diversa natura lungo il lato sinistro del corpo.
In particolare i sintomi ravvisati riguardano:
- pulsazioni/spasmi muscolari lungo la mandibola, collo, trapezio fino alla scapola
(talvolta le pulsazioni coinvolgono anche tempia/occhio, gamba e polpaccio);
- tensione lungo collo (lato anteriore e posteriore) e zona suboccipitale - lato sinistro;
- senso di sbandamento con difficoltà di equilibrio;
- debolezza lungo braccio e gamba sinistra.

Inizialmente mi è stata diagnosticata cervicobrachialgia visto il seguente referto(da RM rachide cervicale):
- a livello C3-C4 ernia discale contenuta posteriore mediana che lambisce la superficie del midollo spinale;
- a livello C4-C5 accenno a piccola ernia discale posteriore mediana;
- a livello C5-C6 lieve protusione posteriore mediana del disco intersomatico.
Sebbene i vari specialisti consultati (neurochirugrhi, neurologi, fisiatri) concordassero con la suddetta diagnosi,
le diverse terapie (farmacologiche e fisioterapiche) effettuate in questi mesi non hanno risolto le fastidiose pulsazioni
che si amplificano soprattutto durante i pasti principali (colazione, pranzo e cena).
Per scrupolo ho effettuato nel corso dei mesi diversi accertamenti (RM rachide cervicale, potenziali evocati somatosensoriali arti superiori, ecografia ghiandole salivari, analisi sangue e urine, esami cardiologici) tutti con esito negativo.

Qualche mese fa di mia spontanea volontà (con "beneplacito" del mio otorino) ho deciso di effettuare la RM dell'ATM
da cui è risultato: modesta sublussazione anteriore e bilaterale dei condili mandibolari, più evidente a sinistra: SAD sindrome algodistrofica temporo-mandibolare.
Pertanto, la diagnosi si è "spostata" sui disturbi dell'ATM.
Da 15 giorni indosso bite inferiore rigido che sto togliendo solo per mangiare.
Oggi effettuato primo controllo con lieve "limatura" dell'apparecchio.
Purtroppo le pulsazioni continuano a tormentarmi durante l'intera giornata e sebbene abbia ripetutamente chiesto spiegazioni a riguardo, non ho trovato risposte convincenti dai chirurghi del reparto maxillofacciale dell'ospedale (dove ho realizzato bite e visita specialistica).

Pertanto, chiedo agli gnatologi presenti (ma anche ad eventuali altri specialisti) se le pulsazioni possano essere effettivamente associate alla modesta sublussazione diagnosticata o se sia il caso di investigare anche in altri ambiti. Gli spasmi e le successive tensioni che insorgono sono così invalidanti che a volte non riesco a svolgere alcuna attività (fisica o intellettiva che sia).
Grazie mille in anticipo a chi mi risponderà.

[#1] dopo  
Dr. Dario Spinelli

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
16% attualità
16% socialità
BARI (BA)
SANTERAMO IN COLLE (BA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Gentile paziente, la diagnosi è prevalentemente clinica. La risonanza deve essere un corredo richiesto dallo specialista per chiarire meglio la situazione anatomica in alcuni casi. Non può essere che sulla base di un referto, spesso anche poco preciso e poco corrispondente alla situazione clinica, venga eseguita una terapia. Inoltre, mi è poco chiaro il discorso dei chirurghi maxillo-facciali La terapia con bite è una terapia odontoiatrica, per la quale mi risulta che il chirurgo maxillo-facciale, se non in possesso dell'abilitazione come odontoiatra, non sia abilitato dalla legge. E certamente le competenze gnatologiche sono molto diverse da quelle chirurgiche.
Dr. Dario Spinelli
Odontoiatra Specialista in Ortodonzia e Gnatologia
www.ortodonzia.bari.it
www.ildentistaperibambini.it

[#2] dopo  
Utente 524XXX

Esimio dr. Spinelli,
la ringrazio per la risposta ma forse mi son spiegato male.
Visti i miei sintomi legati al lato sinistro di testa,collo,trapezio e talvolta gamba (pulsazioni, tensioni,sbandamenti,etc.), ho effettuato diversi tipi di visite specialistiche (neurochirurghi,neurologi,fisiatra,otorini) e solo 3 mesi fa mi son rivolto (su indicazione del dentista) al reparto Maxillofacciale dell'ospedale.
Mi hanno visitato e successivamente è stato realizzato il bite visto che sembra che non abbia una buona occlusione (denti del giudizio deviati, e presenza di capsule e impianti).
Quello che mi interessava capire è legato ai sintomi che continuo ad avvertire (in particolare le pulsazioni che compaiono quando muovo mandibola, soprattutto in fase di masticazione). Qualora necessario posso anche inviarLe OPT o TC Conebeam effettuate.
Essendo "sofferente" finora Mi son sempre fidato ed affidato agli specialisti segnalarmi, ma dopo un anno di semi-invalidità inizio ad essere un po' preoccupato...

[#3] dopo  
Dr. Dario Spinelli

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
16% attualità
16% socialità
BARI (BA)
SANTERAMO IN COLLE (BA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Non conosco il reparto di maxillo-facciale in questione, ma generalmente come detto non è un problema di competenza del chirurgo maxillo-facciale. Non so chi abbia consegnato il bite, ma ritengo che questa, anche a livello normativo, sia competenza di un odontoiatra e non di un chirurgo maxillo-facciale. Ovviamente l'odontoiatra deve essere opportunamente formato in questa specialità. Magari in quel reparto è presente un odontoiatra? Non lo so.
Comunque la sua situazione richiede un'attenta valutazione clinica per darle qualche risposta, non semplicemente visionare degli esami diagnostici. Se non trova giovamento dalla terapia o i sintomi non sono correlati a quel problema oppure deve chiedere un'altra visita a qualche altro collega
Dr. Dario Spinelli
Odontoiatra Specialista in Ortodonzia e Gnatologia
www.ortodonzia.bari.it
www.ildentistaperibambini.it

[#4] dopo  
Utente 524XXX

Esimio dr. Spinelli, potreste spiegarmi gentilmente cosa intende per attenta valutazione clinica?
Mi son rivolto a diversi specialisti ed infine al citato reparto ospedaliero Maxillofacciale che, visti gli esami ed i sintomi riportati, ha optato per la realizzazione di un bite inferiore di tipo "rigido" da portare tutto il giorno (pasti esclusi ovviamente).
Lo scopo del mio post era rivolto principalmente a capire se i "fastidi" descritti (in special modo le pulsazioni) possano essere legati ad un disturbo dell'ATM.
Possibile che una sublussazione dei condili mandibolari possa provocare pulsazioni/tensioni non solo lungo mandibola e collo ma addirittura fino alla gamba?
Ho letto che i disturbi temporo-mandibolari possono essere strettamente collegati a cervicale, collo e spalle... ma non capisco come possa coinvolgere anche gamba e polpaccio.
In questi giorni ho notato che i sintomi descritti si "amplificano" quando tolgo il bite e provo a mangiare...è come se la masticazione provocasse prima tensione/pulsazione lungo il lato sinistro della mandibola e successivamente il fastidio si estendesse a collo, scapola, gamba... per questo motivo volevo chiedere eventuali delucidazioni in merito.
Dopo ultimo controllo effettuato mi è stato detto che dovrò estrarre anche i 4 denti del giudizio...
La mia situazione rientra tra una casistica "ordinaria", o c'è bisogno di effettuare ulteriori approfondimenti anche in altri ambiti?
Son in condizioni di semi-invalidità da circa un anno ed ora che riesco ad avere almeno qualche ora di "lucidità" vorrei capire meglio se la strada intrapresa sia corretta o meno.
Cordialità

[#5] dopo  
Dr. Dario Spinelli

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
16% attualità
16% socialità
BARI (BA)
SANTERAMO IN COLLE (BA)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2008
Per "attenta valutazione clinica" si intende quella che può effettuare tramite visita diretta chi la sta seguendo e quindi dovrebbe avere possibilità di rispondere alla sua domanda. In questa sede ovviamente non ci è possibile fare visite per cui le risposte sono necessariamente generiche.
Come lei stesso ha sottolineato la correlazione tra atm e collo-spalle è clinicamente frequente. La correlazione con altri sintomi riferiti alle gambe è più insolita, ma non possiamo escluderla visto quello che ci riferisce riguardo la sequenza di manifestazione dei sintomi clinici.
Indubbiamente una valutazione con un fisiatra potrebbe anche aiutare a chiarirne l'origine , qualora invece non fosse correlata con la parte gnatologica
Dr. Dario Spinelli
Odontoiatra Specialista in Ortodonzia e Gnatologia
www.ortodonzia.bari.it
www.ildentistaperibambini.it