Utente 213XXX
Buongiorno,
in previsione di un viaggio di tre settimane che forse effetturerò in Etiopia per volontariato nel periodo di ottobre vorrei sapere quali sono i vaccini effettivamente necessari, in quanto su Internet ho letto di tutto (colera, poliomelite, tubercolosi, meninigite, febbre gialla, rabbia, antimalarica ecc.). Io sono già protetta per tetano, difterite, epatite a e b, tifo.
Inoltre vorrei sapere se i vaccini che eventualmente dovrei fare possono influire negativamente su una ricerca di concepimento successiva e se ci sono dei tempi di attesa da rispettare sia per quanto riguarda lo smaltimento dei vaccini sia per eventuali tempi di incubazione delle malattie.
La profilassi antimalarica è proprio inevitabile? Insomma vorrei valutare se per una donna che vuole cercare una gravidanza al rientro un viaggio di questo tipo non sia eccessivamente "stressante" fisicamente.
Vi ringrazio molto per l'attenzione!
a.

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
8% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2009
Gentile Utente,

per l'Etiopia sono raccomandate le seguenti vaccinazioni:
- febbre gialla (lembo un mese prima di partire)
- febbre tifoide
- meningite menigococcica
- epatite A
- epatite B
- difterite
- tetano
- rabbia

Inoltre:
- profilassi antimalarica (è obbligatoria qualora ci si rechi in zone fuori della capitale e al di sotto dei 2400 metri)
- attenzione alla tripanosomiasi (mosca tse-tse) o malattia del sonno; spray insetticidi e buona copertura dei vestiti
- attenzione alla schistosomiasi (non bagnarsi mai in acque dolci, nemmeno i piedi)
- massima igiene delle mani e degli alimenti (colera, epatite A, tifo)

Consulti anche il link ministeriale:
http://www.viaggiaresicuri.it/?etiopia

Per la ricerca successiva di una gravidanza, nessun problema, meglio se si lascia passare qualche mese dal ritorno.

Cordiali saluti.
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it