Utente 220XXX
Salve dottori!
Stamattina stavo cercando di riparare un ombrello e mi sono tagliata il pollice con la stecca di metallo. E' subito uscito del sangue e ho premuto per farne uscire un altro po', poi ho disinfettato con abbondante acqua ossigenata che però potrebbe essere "scaduta" dato che è aperta da moolto. La ferita è larga circa 1 - 0,5 cm e profonda probabilmente alcuni millimetri.
Devo fare qualcosa o posso stare tranquilla?
Ho letto che la vaccinazione antitetanica lascia una "memoria immunitaria"...per quanto tempo? Io studio fuori e tornerò a casa verso fine febbraio, posso tranquillamente aspettare questo tempo per rifare il vaccino, nel caso fossero già passati 10 anni dall'ultimo?

Potrei sembrare esagerata, ma da ignorante in materia e ansiosa preferisco sentire il parere di un esperto.
Grazie in anticipo e buona domenica!

[#1] dopo  
Dr. Piero Alessandro Casonato

28% attività
0% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Un conto è la memoria immunitaria,che è la capacità delle plasmacellule di produrre rapidamente anticorpi in quantità elevata dopo una vaccinazione di richiamo.

La memoria immunitaria si instaura dopo le prime tre somministrazioni di vaccino,che normalmente vengono effettuate nel primo anno di età : a 2-3 mesi, 5-6 mesi, un anno d'età. Poi viene effettuato un richiamo ( booster) al sesto anno di età e poi un altro al dodicesimo-quattordicesimo anno. Dopo lo stato con la s minuscola ci abbandona a noi stessi,tranne che per alcune categorie di lavoratori , maggiormente a rischio,obbligate per legge alla vaccinazione.

Quindi dopo questi cicli vaccinali, se completi,come illustrati sopra,si mantengono livelli anticorpali protettivi fino a 17-19 anni,poiché gli anticorpi contro la tossina tetanica mantengono ,di solito, un livello protettivo effettivo per circa cinque anni, dall'ultima somministrazione di vaccino,trascorsi i quali,in caso di ferite,è opportuno fare un richiamo.

Studia fuori casa dove ? Burundi ? Africa nera? Naturalmente scherzo,sono modi di dire, ormai questi paesi ci hanno superato in tutti i settori.

Qualcosa del sistema sanitario nazionale che era stato istituito con la legge 833 del 1978 è,tuttavia, riuscito a sopravvivere all'opera dei politici ladri e dei loro scagnozzi direttori generali.

Provi a telefonare al Servizio di Igiene Pubblica del luogo od al distretto sanitario più vicino ,normalmente dovrebbero farLe gratis il richiamo vaccinale contro il tetano o meglio, la trivalente DTP ( difterite tetano pertosse). Inutile ed a volte rischioso perdere tempo.

I più Cordiali Saluti. Casonato.
Dr. piero alessandro casonato

[#2] dopo  
Utente 220XXX

Dottore non capisco... l'immunità non dovrebbe esserci per 10 anni? A casa hanno controllato per me, nel libretto c'è scritto che devo fare il prossimo richiamo nel 2017, quindi dovrei aver fatto l'ultimo vaccino 6 anni fa. Posso ufficialmente stare tranquilla?

Grazie ancora!

[#3] dopo  
Dr. Piero Alessandro Casonato

28% attività
0% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Titoli anticorpali protettivi durano circa cinque anni dall'ultimo richiamo,quindi ,nel caso di ferite verificatesi trascorsi cinque anni dall'ultima somministrazione si fa un nuovo richiamo di vaccino antitetanico. In assenza di lesioni si consiglia il richiamo ogni dieci anni.
Motivazioni: accade ,soprattutto nel caso di lavoratori, che ci siano persone che vengono ipervaccinate. La cosa comporta dei rischi,anche se rari, si parla di fenomeno di Arthus e relative conseguenze. Per evitare tali rischi si è allungato a dieci anni l'intervallo tra una vaccinazione e l'altra. ( prima l'intervallo era cinque anni).
C'è anche chi sostiene che la vera motivazione sia di risparmiare sulle spese sanitarie.

Comunque,visto che il richiamo è recente potrebbe fare un esame ematico per vedere se i livelli anticorpali sono ancora protettivi. In certe asl viene fatta ad un prezzo abbastanza basso. Viene comunque a costare più della vaccinazione.

Cordiali Saluti
Dr. piero alessandro casonato