Utente 328XXX
Buongiorno,
premetto che so bene che la mia domanda potrà sembrare assurda, ma ho bisogndo di una conferma da parte di uno specialista per mettermi tranquilla ..
un paio di anni fa abbiamo preso dalla casa abbandonata di una vecchia zia, una cornice di argento. Ho pulito la cornice con alcol e l'ho messa in camera su un comò. Dopo la nascita del mio bambino,ho iniziato a fantasticare su quell'oggetto..ho cominciato a pensare che magari poteva essere stata a contatto con topi o con i loro escrementi o urina (visto che la casa dov'era è abbandonata da molti anni, in mezzo ai campi e invasa dai topi!) e ho iniziato a considerarla infetta, tanto che non la tocco nemmeno per spolverarla!! la cosa peggiore è che ho iniziato a temere che tutte le cose venute a contatto con quella cornice o con le superfici dove essa è stata appoggiata, siano a loro volta infette.. se ad esempio un libro avesse toccato la cornice o il ripiano dove questa si trovava, il libro per me è "sporco".... insomma,sto vivendo malissimo per colpa di un oggetto!!! ...... ma mi basta sapere se posso stare tranquilla, se i batteri che potevano essere sopra quell'oggettto o sulle superfici dove è stato appoggiato, possono essere ancora dannosi per me e la mia famiglia..... grazie mille per la vostra risposta e per la..... comprensione!!

[#1] dopo  
Dr. Piero Alessandro Casonato

28% attività
0% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
L'argento , per sue caratteristiche , ha un'azione battericida . Ormai ha costi troppo elevati , ma una volta si usava l'azione oligodinamica degli ioni liberati da barre di argento per disinfettare l'acqua per uso potabile.
Quindi non si preoccupi. con i più cordiali saluti.
Dr. piero alessandro casonato

[#2] dopo  
Utente 328XXX

La ringrazio moltissimo per la sua veloce risposta.
Una curiosità però... i batteri quanto vivono? se invece che in argento la cornice fosse stata in un altro materiale, allora ci sarebbe stato pericolo di trovervi ancora dei batteri vivi? e il contatto tra le cose, diffonde i batteri all'infinito ?

grazie mille
cordiali saluti

[#3] dopo  
Dr. Piero Alessandro Casonato

28% attività
0% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Il tempo di sopravvivenza dei batteri nell'ambiente e su oggetti è variabilissimo. Dipende se questi batteri possono mettere in atto forme di sopravvivenza , ad es spore , come il bacillo del carbonchio o quello del tetano,può dipendere dalle caratteristiche della membrana cellulare , può dipendere dalle caratteristiche dell'ambiente esterno .

Le spore del carbonchio sono in grado di sopravvivere per molti anni. Altri bacilli, tipo quelli di alcune malattie a trasmissione sessuale si trasmettono solo con il rapporto sessuale , avendo durata effimera nell'ambiente esterno.

I batteri si diffondono e si perpetuano trovando soggetti adatti od ambienti adatti in cui si moltiplicano.

Cordiali Saluti.
Dr. piero alessandro casonato