Utente 622XXX
Mio figlio, Marco Bozzi (nato il 26 maggio 1980) ha fatto le 3 vaccinazioni di base per l’EPATITE B nel 1992 (a12 anni).
Dai successivi esami dl sangue risulta:

Esami sangue ott.2001
MARKERS EPATITE VIRALE
S-ANTICORPI ANTI HBs Ag - qualitativo : Presenti
S-ANTICORPI ANTI HBs Ag - quantitativo : 155 (“perché ha fatto la
vaccinazione”
- mia nota scritta a lato)
Esami sangue aprile 2010
S-ANTICORPI ANTI HBs Ag - qualitativo : Debolmente positivi
S-ANTICORPI ANTI HBs Ag - quantitativo : 38

Esami sangue feb.2014
S-HBsAg (Antigene di superficie HBV) : negativo
 (ma questo che esame è ? E’ come i due precedenti???)

Dott. Rotondo della mutua : dice che è “immune da vaccino” e l’ha scritto sopra il foglio degli esami 2010. Non deve ripetere niente, è a posto per sempre.
Mia figlia, medico e specializzata in Igiene e medicina preventiva, dice invece che 38 è troppo poco protettivo e deve fare il richiamo.
Non capendoci più niente ho telefonato ad alcuni Uffici ASL per sapere il loro parere ed ecco le loro risposte :

RISPOSTE UFFICI ASL x RICHIAMO VACCINAZIONE EPATITE B (11-marzo 2014)

ASL VIA STATUTO
La dottoressa (gentile-mi ha richiamato lei) dice che il valore deve essere superiore a 10: sopra i 10 è protetto! Quindi dice che Marco, avendo 38, ha una buona protezione! In linea di massima,
i richiami non si fanno più. E’ da circa dieci anni che non si fa più il richiamo e neppure gli esami del sangue per vedere gli anticorpi. Fa l’esame del sangue solo chi fa l’operatore sanitario.

ASL VIA PECCHIO
Anche se il valore è basso, la copertura c’è ugualmente! Perché, se va a contatto con l’infezione, si attiva subito la memoria immunitaria. La risposta immunitaria si alza subito.
Se risulta 0 si fa un’altra dose, ma solo se la persona è a rischio.

ASL VIA PADOVA
Devono vedere gli esami. Non possono dire niente per telefono! Portare lì glòi esami o fare la scansione e mandarglieli, anche x aggiornare la cartella riportando i valori degli anticorpi dell’esame del sangue del 2010.

A questo punto non sono ancora sicura se mio figlio debba o no fare il RICHAMO della vaccinazione per l’Epatite B e perciò chiedo un vostro autorevole e gentile parere in proposito.
Vi ringrazio moltissimo! Cordiali saluti!

[#1] dopo  
Dr. Piero Alessandro Casonato

28% attività
0% attualità
16% socialità
()

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2009
Quando fu istituita la vaccinazione contro l'epatite b la legge non prevedeva e non prevede somministrazioni di richiamo.

Sicuramente una memoria immunitaria , cioè la capacità delle plasmacellule di produrre specifici anticorpi , si è formata.

Passati 20 anni c'era ancora titolo anticorpale , anche se basso.

Il problema che si pone è questo : normalmente per tale vaccinazione non sono previsti richiami.

Il richiamo , se suo figlio fa un lavoro a rischio, può effettivamente essere utile , però non essendo espressamente previsto si creano sempre dei problemi di " buona prassi " , cioè i medici devono attenersi alle indicazioni del produttore od a quelle del ministero della sanità. Non attenervisi può creare problemi..
Dr. piero alessandro casonato