Utente 214XXX
gentili dottori, circa un anno fa ho avuto un cosiddetto rapporto a rischio. ho eseguito un test a 30 gg e uno successivo al 4 mese. la dottoressa che eseguì quest'ultimo mi tranquillizzo dicendomi che l'esito, negativo, fosse da considerarsi definitivo. a un paio di mesi da tale test ho avuto un'influenza e dopo qualche giorno, a seguito di un torcicollo che inizialmente imputai ad un lungo viaggio in aereo, notai una ghiandolina indurita e ingrossata dietro l'orecchio sinistro che massaggiai convinto che fosse un qualche nervo o contrattura. la ghiandola è ancora dura e leggermente gonfia (da diversi mesi ormai) ed ora, da una decina di giorni, soffro di dolorini addominali/inguinali, tipo colon irritato. mi chiedo se debba ricominciare a preoccuparmi. ammetto inoltre, in realtà, che dall'accaduto (il rapporto a rischio), salvo un mese forse, non sono mai riuscito a stare veramente tranquillo, pertanto trascino una condizione di fortissimo stress da praticamente un anno. vi ringrazio per la vostra attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Luigi Mocci

40% attività
4% attualità
20% socialità
ALESSANDRIA (AL)
VALENZA (AL)
TORTONA (AL)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2005
Salve,
come sa la paura fa 90, in alcuni casi anche 120.
Se il test era negativo è negativo. pertanto le cause dei suoi "malannui" sono da ricercarsi in altre direzioni, non ultima una componente di tipo ansioso. Con l'aiuto del suo MMG riuscirà sicuramente aad identificare i problemi ed a risolverli

saluti
Luigi Mocci MD