Utente 229XXX
Buongiorno, ieri ho partecipato sul luogo di lavoro ad un controllo della glicemia per la prevenzione del diabete con la seguente procedura: sono stato fatto entrare nello studio medico da solo con il medico e l'infermiera, il medico mi ha fatto delle domande sul mio peso e altezza, poi l'infermiera usando un ago monouso che a suo dire si blocca una volta usato e non funziona +, mi ha punto un dito per far uscire il sangue, a questo punto ha usato un misuratore della glicemia, a cui a suo dire aveva sostituito la striscia reattiva che sempre a suo dire non può essere riutilizzata + volte. La mia paura è, che probabilità ci sono di essere stato infettato tramite la striscia reattiva qualora questa non sia stata sostituita, dato io che non ho visto materialmente la sostituzione delle striscia reattiva da parte dell'infermiera. Diciamo che mi devo fidare di cio che dice. E che probabilità ci sono di essere stato magari infettato da qualche goccia di sangue ancora presente nel misuratore della glicemia, il quale era sempre quello per tutti coloro che han fatto la prova. In altre parole, usavano aghi monouso, strisce reattive monouso, di cui non sono sicuro della sostituzione, ma sempre lo stesso apparecchio che rileva la percentuale di zucchero nel sangue per il controllo della glicemia. Ci sono studi sulla contagiabilità tramite l'apparecchio per la misurazione della glicemia? Sto cercando in rete ma per ora non trovato nulla, ma daltra parte non sono medico e magari voi medici avete accesso a informazioni fresche e dettagliate in proposito. Attendo con ansia la vostra risposta.
Grazie e cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Mario Corcelli

52% attività
12% attualità
20% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2009
Gentile Signore,

tranquillo, si sta facendo un sacco di domande inutili
perché ogni striscia reattiva per glicemia è usata una volta sola; una volta che la goccia di sangue ha imbibito la striscia, questa non è più valida "chimicamente" a misurare una nuova glicemia.

Nè capisco in quale modo l'apparecchio elettronico che "legge" la striscia possa costituire una fonte di contagio.

Buona serata
Mario Corcelli, MD
Milano - specialista Medicina Legale e Igiene-Tecnica Ospedaliera
http://www.medico-legale.it