Utente 112XXX
Buona sera sig. Dott.,mio padre ha terminato con successo da poco più di un anno,dopo due anni di calvario, la cure per l'epatitec a base di interferone e ribivarina.Da allora prima a giugno ha avuto un intervento all' aorta addominale per una dilatazione di 4cm per 6cm di lunghezza, ad oggi il cardiologo gli ha riscontrato una disfunzione alla valvola mitrale, ma soprattutto i valori del sangue sono letteralmente riprecipitati. "RI" in quanto questa è stata la condizione perenne nel corso della cura, motivo di 2 interruzioni, ma da allora i valori si stavani rinormalizzando. Negli ultimo mese invece scendono in con velocità allarmante tanto che le piastrine sono arrivate a 21 mila oggi, ieri erano 22, prima di Natale 30 ....I vari medici non sanno cosa dire se non ipotizzare che siano ancora effetti dovuti all' interferone ,anche se siamo in attesa,il 03/02 del risultato dell' analisi al midollo.Può essere che abbiano ragione?Se è così cosa fare? Avete altre ipotesi o consigli visto che nessuno ci sa dire nulla ma le analisi peggiorano di giorno in giorno,anche se ha interrotto la cardio aspirina,non prende più nessun farmaco. Grazie dell' attenzione, cordiali saluti.

[#1] dopo  
Dr. Roberto Chiavaroli

32% attività
4% attualità
16% socialità
LECCE (LE)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2009
Gentile utente,
la terapia è terminata da più di un anno dunque l'effetto dell'Interferone è da escludere.
Quello che è più probabile è che la piastrinopenia dipenda da un "sequestro splenico" ovvero da una milza ingrossata che ne distrugge gran quantità. Questo è vero soprattutto quando il quadro è quello della cirrosi Epatica ( quasi la regola dopo 30 anni da un'infezione da virus C).
Altra possibilità è che l'infezione da virus C abbia innescato una malattia del sangue . Molto spesso queste forme si associano a Gammopatia monoclonale, mielodisplasia e putroppo qualche volta anche a Linfomi da cellule B.
Quest'ultima ipotesi comunque sarà chiarita dall'analisi sul midollo ( biopsia?)

Cordiali Saluti
Dr. Roberto Chiavaroli