Utente 406XXX
Egregi dottori,
vi chiedo per cortesia di esprimere una vostra valutazione medica sulla storia che vi sto per descrivere:
io, da giugno 2007 ad settembre 2007 ha frequentato una persona che forse aveva avuto rapporti sessuali con prostitute e con trans. (dico forse in quanto trattasi di una persona che non l'ha mai dichiarato apertamente ma l'ho desunto da alcuni atteggiamenti strani e da alcune sue battute).
Sono una persona ansiosa e ho la fobia delle malattie infettive (infatti soono in cura presso un psichiatra) e quindi ho sempre avuto con tale persona rapporti protetti con il preservativo.
In due casi però, quella persona, all'inizio del rapporto, ha appoggiato il preservativo sul pene nel senso errato e, accortosi dello sbaglio, l'ha rigirato e l'ha infilato nel verso giusto.
Una delle due volte avevo appena avuto inizio il ciclo.
Vi chiedo se c'è possibilità di contagio con tale gesto?
Io ad agosto 2007 gli ho fatto fare il test HIV e lui è risultato negativo ma mi ha detto che non ci vuole nulla a falsificare il risultato cartaceo (spero che mi prendesse in giro).
Io invece l'ho ripetuto svariate volte e l'ultimo l'ho ripetuto a fine gennaio 2008 con esito sempre negativo (premetto che l'ultimo rapporto sessuale avuto con la persona è stato in data settembre 2007).
Posso stare tranquilla?
La mia ansia e la mia fobia però mi sta facendo uscire pazza: un mese fa ho avuto febbre e mal di gola e forse poichè curata male (spero)ora ho una ricaduta con placche, febbre alta, dolori alle articolazioni delle gambe.
Il tutto mi ha fatto rinascere la preoccupazione di aver contratto il virus e infatti sono andata subito a rifare il test e sono in attesa dei risultati.
Cosa ne pensate? Mi devo preoccupare? So che non sono sintomatici questi sintomi, ma il pensiero mi assilla in continuazione.
Vi chiedo gentilemente un consulto.
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
Gentile Utente,

il test HIV si deve fare a 40 e 100 giorni dal "fatto" proprio per escludere il periodo finestra; quindi, avendo lei avuto rapporti fino a sett. 2007 ed avendo fatto l'ultimo test a genn. 2008, cioè a 120 giorni dall'ultimo rapporto, ritengo possa stare tranquilla
Un saluto

A. Baraldi

[#2] dopo  
Utente 406XXX

Prima di tutto GRAZIE Dr. Baraldi!
Capisco che per escludere il periodo finestra è sufficiente il test a 40 e 100 giorni, ma perchè leggo da più parti che quello definitivo deve essere fatto a 180 giorni per avere la certezza al 100%?
Ancora grazie per la sua disponibilità, sono sostegni morali, oltre che medici, molto preziosi.
Grazie.

[#3] dopo  
Dr. Arduino Baraldi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
8% attualità
20% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2006
No, si può parlare di certezza con tests a 40 e 100 giorni, non è necessario un test a 180
Un saluto

A. Baraldi

[#4] dopo  
Utente 406XXX

Dr. Baraldi ancora GRAZIE per il suo tempo dedicato.
Volevo inoltre comunicarle che oggi ho ritirato gli esami e sono negativi.
Grazie ancora.
Un saluto e buon lavoro.