Utente 131XXX
Buongiorno sono la mamma di un bimbo di 2 anni che da giugno ha un linfonodo di circa 1,5 cm nel collo.
Abbiamo fatto svariate visite tra cui ecografia:
Svariati linfonodi si osservano a carico delle stazioni latero-cervicali angolo-mandibolari e sovraclaveari bilateralmente.
Le dimensioni sono di circa 15 mm.
La struttura è molto infiltrata ipoecogena.
Abbiamo fatto parecchi esami tra cui toxoplasmosi bartonella LDH, VES, PCR tutto negativo.
Abbiamo effettuato anche l'esame del sangue NSE con esito 35 (valore di riferimento 16.3).
Striscioperiferico:LUC= linfociti con caratteristiche di reattività.
EBV MONONUCLEOSI :
IGG EBV-VCA 80.5
IGM EBV-VCA <10.0
IGG EBNA <3.0

CITOMEGALOVIRUS:NEGATIVO.
EPSTEIN BARR VIRUS DNA <1200

Ci hanno detto che potrebbe essere mononucleosi ma il nostro pediatra non è convinto.
Noi vorremmo capire se è il caso di approfondire o se è davvero mononucleosi....questo linfonodo in questi 5 mesi non è mai cambiato ne di dimensioni e non gli ha mai fatto male.
Vi ringrazio per le vostre risposte.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Signora,
Non è mio intento sostituirmi al pediatra che segue il suo figliolo.
Francamente non capisco la definizione di linfonodi molto infiltrati: hanno una ecostruttura sovvertita o sono con caratteristiche reattive?
Forse se ricopiasse integralmente il referto ecografico sarebbe tutto più semplice.
In quanto alla NSE per quali sospetti diagnostici è stata richiesta?
Intanto i marcatori tumorali NON SERVONO a fare diagnosi: di questo le potrei citare almeno una decina di condizioni non oncologiche in grado di farlo aumentare.
Le sarò grato se vorrà riportare i valori degli intervalli di riferimento del laboratorio: ma mi pare di poter dire già da ora che suo figlio si è fatto una mononucleosi che potrebbe spiegare il quadro linfoadenopatico; più che la NSE sarebbe stato interessante valutare con una Avidity sulle IgG anti EBV a quanto risalga l'infezione.
Ig contro EBV VCA O EBNA ?
Perché l'esame dirimente per eccellenza in questo caso sarebbe la biopsia linfonodale: ma francamente non vedo gli estremi per l'indicazione.
Ci risentiamo se vuole.
Saluti cordiali,
Caldarola
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 131XXX

Intanto grazie per la sua risposta. ..
Il referto della ecografia è il seguente:svariati linfonodi si osservano a carico delle stazioni latero-cervicali angolo-mandibolari e sovraclaveari bilateralmente.
Le dimensioni sono di circa 15 mm.
La struttura è molto infiltrata ipoecogena come si rileva nelle formazioni flogistico e subacute.
È indispensabile quindi procede ad una valutazione bioumorale accurata e poi seguire la valutazione del quadro.

Per quello che riguarda gli esami per la mononucleosi sono stati fatti 2 volte,la prima volta a giugno con i seguenti risultati:
Ab anti EBV : S-anti EBNA IgG 3,0
EBV: S-ANTI EBNA IGG NEGATIVO

Ab anti ebv : S-anti VCA IgG 90
EBV : S-anti VCA IgG positivo

Ab anti ebv: S-anti VCA IgM 3,99
Ebv: S-anti VCA IgM negativo


Poi sono stati ripetuti a Agosto:
Con metodo CLIA

igg ebv -VCA 80.5 UA/ML negativo <20.0
IgM EBV-VCA <10.0 UA/ML negativo <40.0
IgG EBNA <3.0 UA/ML negativo <20.0

Epstein barr virus dna <1200 metodo: real time POLYMERASE CHAIN reaction.il dato è espresso come genomi virali.

Io non so perché hanno deciso di fargli NSE come esame...
Il mio pediatra dice che in quanto erano presenti solo le IgG già a giugno significa che questa mononucleosi non è una cosa recente e non lo era neanche a giugno.

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
Il suo pediatra dice molte cose e prescrive a un bambino con una modesta linfoadenopatia il dosaggio dell'Enolasi Neurono Specifica a fini diagnostici.
Esame di cui mi piacerebbe capire la ratio.
Mentre ha un quadro ematologico con linfociti attivati, una positività delle IgG anti EBV a giugno, quando sarebbe stato necessaria l'avidity su quelle IgG, che si sono negativizzate ad agosto.
In quanto alla PCR il valore riferito di <1200 copie mi porta a pensare che si tratti di una valutazione qualitativa e non quantitativa, assai più utile nella circostanza di specie.
In ogni caso se lei non mi comunica il cutoff del laboratorio o se questo non è riportato è evidente che debba dedurre che ad agosto suo figlio avesse ancora in atto la replicazione virale di EBV malgrado la negativizzazione degli anticorpi: ciò potrebbe essere sintomo di una cronicizzazione dell'infezione in un piccolo paziente con sistema immunitario ancora poco maturo.

Pertanto, alla luce del quadro clinico stabile, mi piacerebbe capire quale diagnosi sospetta il collega, che ha trascurato la sierologia per il Toxoplasma, sempre da considerare in presenza di linfonodi aumentati di volume.
Il mio personale consiglio è di ripetere la sierologia per EBV e di eseguire la ricerca del genoma virale con PCR QUALITATIVA E QUANTITATIVA.
Inoltre di valutare il pattern immunologico anti Toxoplasma.
Infine di ripetere l'esame ecografico dei linfonodi per valutare variazioni nella ecostruttura e di procedere ad una ecografia addominale per la valutazione oggettiva del volume splenico ed epatico.
Questo il mio pensiero con il limite del consulto telematico: resta chiaro che chi cura il piccolo è il suo pediatra con le sue ipotesi diagnostiche.
Mi spiace non poter essere di più concreta utilità.
Saluti cordiali,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 131XXX

No guardi l'esame NSE l'hanno fatto in ospedale dove è seguito il bambino,per quello non sappiamo il perché glieli abbiano fatti.
Per quello che riguarda la sieropositivi del toxoplasma lei si riferisce a toxoplasmosi?
Se si riferisce a quello gli esami li abbiamo fatti e sono i seguenti:
Proteina C reattiva 0, 10 mg/ML (<0.50)
Titolo antisteptolisinico 10 IU/ML (<150)

AB ANTI BARTONELLA: S-IGG <1\64

AB ANTI BARTONELLA : S-IGM <1\12 (<1\12)

AB ANTI TOXOPLASMA:S-IGG 0,1 UI/ML
AB ANTI TOXOPLASMA:S-IGM NEGATIVO

Dove non ho messo valori di riferimento è perché non ci sono stessa cosa per il messaggio sopra.

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Ah, quindi il piccolo è stato ricoverato.
E con che diagnosi è stato dimesso?
Comunque, cara signora, la strategia da seguire secondo il mio parere, gliela ho postata nella replica #3.
C'e' da indagare su EBV.
Anche gli anticorpi anti Bartonella, presumo Henselae, non capisco perché siano stati ricercati.
È un miracolo che non gli abbiano dosato il PSA!
Saluti anche al piccolo,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#6] dopo  
Utente 131XXX

La diagnosi e stata mononucleosi...mi scusi cos'era il PSA?
Gli hanno fatto il test per la tubercolosi risultato negativo.

[#7] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
È l' Antigene Prostatico Specifico, che ovviamente costituiva una battuta per farla sorridere.
Si rassereni, suo figlio per me ha avuto solo una mononucleosi.
In più tenga conto che i linfonodi dei bambini sono sempre un po' gonfi perché rispondono agli stimoli immunitari e insegnano all'organismo a reagire.
Si tranquillizzi.
Arrivederci,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#8] dopo  
Utente 131XXX

La ringrazio molto per la sua risposta!
Arrivederci.