Utente 399XXX
Buongiorno. Sono una ragazza di quasi 27 anni e sono abbastanza sicura che il mio richiamo per l'antitetanica sia scaduto da almeno un paio d'anni.

L'altro giorno in camera mia ho accidentalmente calpestato con la pianta del piede un trasformatore elettrico (spina italiana>inglese) metallico ferendomi la pianta del piede. La ferita, chiaramente in una zona delicata e su cui cammino continuamente, mi fa ancora male al tatto (e la zona intorno è lievemente arrossata in modo irregolare, ma non dolente)

Il mio ragazzo dice che potrei rischiare di aver preso il tetano da questa ferita. Ho guardato su internet e ho visto che dovrei aver avuto contatto con spore di escrementi equini, bovini o ovini. Il trasformatore è "nuovo" (comprato da me tre mesi fa), ed è stato trasportato in valigia. L'unico modo con cui avrebbe potuto aver contatto con simili rifiuti direi che è, volendo proprio fare i paranoici, attraverso il materiale portato sul pavimento da rimasugli rimasti su scarpe mie o di ospiti.

Devo considerare a rischio questa lesione avvenuta circa tre giorni fa? Come mi devo comportare?

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
se la ferita non è profonda il rischio tetano è davvero remoto.
Che le faccia male mi sembra normale.
Lasci stare le castronerie di Intenet e le affermazioni del suo ragazzo: al più si faccia vedere da un Medico.
Il richiamo col tossoide tetanico la aspetta, tuttavia. E' la migliore cura per i tetanofobici.
Saluti,
Dr. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.