Utente 434XXX
Buongiorno, sono un ragazzo di 36 anni.
da quasi un mese ho la febbre che non passa ( da 37e3 a 37e8 circa, rari picchi a 38), tutti i giorni, mattina e sera e stanchezza, una leggera faringite, brividi. Dopo la prima settimana nella quale pensavo fosse un male stagionale la guardia medica mi ha dato Augmentin, senza risultato. Vado dal mio medico di base, antibiotico Isocef 400, nulla da fare. La preoccupazione sale, quindi faccio una serie di esami dove si evince:emocromo ( tutto regolare), transaminasi molto elevate alt 180 e ast 70, test ebv positivo ( EBV vca igm 160, ebv vcaigg 390, ebvea totale 76, EBNAigg 349), CMV e anticorpi positivo, Hbsag negativo. Potrebbe essere una riattivazione della mononucleosi? Questa situazione mi debilita, non posso lavorare e continuò a stare male.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
credo proprio che lei non abbia avuto una riattivazione di una Mononucleosi ma abbia avuto una prima Mononucleosi.
Almeno dagli esami che posta.
E' necessario valutare che non vi sia una faringite batterica sovrapposta, da trattare con un opportuno ciclo antibiotico.
E altresì necessario ripetere gli esami ematochimici e quelli immunologici per EBV per valutare l'andamento dell'infezione.
Della durata della sintomatologia non si deve preoccupare perchè le infezioni da EBV sono lunghe a guarire ancorchè guriscano sempre.
Ne parli con il Curante che deve essere sempre il suo punto di riferimento, non fosse altro perhè può visitarla.
Se vuole mi faccia sapere.
Saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 434XXX

La ringrazio dottore per la veloce risposta. Ho fatto anche urinocoltura e tampone faringeo con esito negativo, anche se è da sottolineare che ero sotto antibiotico. La cosa che mi stranisce è che non ho nessun aumento dei globuli bianchi, ma solo delle transaminasi. Non ho aumento dei linfonodi, ma solo questa febbricola continua e una leggera faringite. Sono anomalie? I valori massimi del laboratorio per una positività sono +20 e io sono altamente positivo sotto ogni profilo: EBV vca igm 160, ebv vcaigg 390, ebvea totale 76, EBNAigg 349.
Gli EBNAigg così alti non indicano una mononucleosi passata? Il mio medico di base mi pare molto incerto, cercherò uno specialista per una diagnosi precisa. Lei cosa ne pensa di queste anomalie? Grazie ancora davvero

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Non sono anomalie.
Sono il segno che la sua mononucleosi è ancora in fase replicativa.
Le IgM possono persistere per parecchio tempo e anche l'EA.
In quanto alle manifestazioni cliniche attenuate, molte mononucleosi non vengono neppure diagnosticate perchè non si presentano con i sintomi da manuale. Come nel suo caso.
Quando avrà montato una risposta immunitaria definitiva e sarà guarito le IgM caleranno fino a negativizzarsi.
E' un decorso del tutto normale.
I medici di base mi paiono incerti su molte cose: mi chiedo a cosa giovino gli ECM che dovrebbero garantire dei professionisti qualificati e aggiornatissimi. C'est l'Italie!
Ottime cose,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 434XXX

Cercherò di avere pazienza allora. Ogni giorno, da quasi un mese, termometro sotto l'ascella, spero di non rilevare la febbre, rimanendo deluso. Non posso lavorare e se esco o mi stanco si alza di piu! Spero di uscirne presto, grazie per il consulto

[#5] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Cerchi di stare a casa e di riprendersi.
Esca solo se è strettamente necessario. E si metta in malattia.
Il riposo è la migliore garanzia per una rapida guarigione della mononucleosi. Che può richiedere anche 2-3 mesi.
Dia notizie se vuole,
Cordialità,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#6] dopo  
Utente 434XXX

Buongiorno dottore, volevo aggiornarla sul decorso della mononucleosi/cmv e porle un quesito.
A distanza di quasi due mesi sto meglio, febbre assente da tante settimane, ho ancora dei residui di tonsillite/faringite, un po' di tosse e debolezza. Ieri ho fatto gli accertamenti a distanza di oltre un mese dai precedenti. Attendo esito delle analisi del sangue ma ho già ritirato l'ecografia addominale. Risulta ( come già a fine Dicembre) una splenomegalia, con la milza di diametro 15 cm. Posso riprendere gradualmente la palestra ( sollevamento pesi) e la corsa con la milza così ingrossata? Mi pare di aver capito che le dimensioni non siano eccessive, è corretto? Ho è un ingrossamento preoccupante? Non mi è chiaro se le dimensioni siano modeste o comunque sufficienti per rischiare una rottura della milza sotto sforzo. La ringrazio in anticipo

[#7] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
sono contento che la sindrome stia rientrando.
La milza è ancora a rischio di rottura.
Aspetti che ritorni a 11 cm e potrà riprendere la sua attività sportiva.
Ha bisogno ancora di guarire bene.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#8] dopo  
Utente 434XXX

Salve dottore, grazie in anticipo per la cordialità, ci terrei ad aggiornarla sull'evolversi della mia malattia e avere suo consiglio. Come le ho già scritto ho fatto ecografia che ha confermato milza ingrossata di 15 cm. Oggi ho ritirato le analisi del sangue, e sono un po' preoccupato.
A distanza di un mese e mezzo sono ancora altamente positive, quasi identiche a quelle del 29 Dicembre scorso:
EBV VCA-IgM 160 (pos >40)
EBV VCA IgG 312 (pos >20)
EBV EA totale 106 ( (pos >40)
EBV EBNA 336 (pos >20)
Anti CITO IgG 81,60 (pos >14)
Anti CITO IgM 66,30 (pos >22)
L'unica nota positiva sono le transaminasi quei rientrate AST 31 (5-45) e ALT ancora altina ma molto meno 72 ( 5-55)
Io sto meglio, a parte un po' di debolezza e tosse ( tonsille leggermente ancora infiammate) e un dolore costale destro ( magari nemmeno relativo alla mononucleosi.
Come mai i valori sono ancora così positivi, quasi identici ai precedenti? Sono ancora infettivo verso mia moglie, se dovessi baciarla? Come mi consiglia di muovermi per guarire il prima possibile da questa coinfezione mononucleosi e Citomegalovirus? Le IGM dopo un mese e mezzo non dovrebbero essere negative o perlomeno molto più basse rispetto a prima?

( Le copio per sua comodità i miei esami del 29/12/2016:
transaminasi molto elevate alt 180 e ast 70
test ebv positivo ( EBV vca igm 160, ebv vcaigg 390, ebvea totale 76, EBNAigg 349), CMV igg e igm entrambi positivi)

Grazie ancora davvero per la sua attenzione preziosa

[#9] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
ha due virosi in atto.
Ci vuole tempo per la guarigione sierologica.
Del resto la medicina magica non esiste tanto più che lei è immunocompetente. Quindi farmaci antivirali non ne deve assumere.
Che la clinica stia migliorando è un ottimo segno.
Teoricamente finchè ha IgM dosabili lei è infettivo e sua moglie non la può baciare.
Se poi non ce la fa, le faccia fare gli anti VCA e gli anti CMV IgG+IgM...
Magari si scopre che ha già contratto le due forme ed è immune.
Così con le forze che le restano potrà tentare un approccio coniugale!
:-))
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#10] dopo  
Utente 434XXX

Grazie :-))
In realtà qualche bacio, forse sbagliando, l'ho strappato, magari farà i test anche lei per una maggiore tranquillità. Quindi potrei guarire e avere questa " cicatrice igm" ancora per qualche mese se ho capito bene.
Un'altra anomalia negli esami è stata nella elettroforesi , esito : componente monoclonale igg lamba di lieve entità , consigliato controllo periodico. È correlato alla mononucleosi?
Non avrei mai immaginato che questa malattia fosse così rognosa :-(
Grazie mille dottore

[#11] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve.
La componente monoclonale va confermata con una immunofissazione.
E tipizzata con il dosaggio delle catene K e Lambda.
E' sicuro che sia comparsa contestualmente alla doppia virosi e che non l'avesse prima?
Tra l'altro per farmi un'idea dovrei valutare il tracciato e se l'EFP è stata fatta su acetato di cellulosa, anche la striscetta.
Perchè non vorrei che si trattasse di un artefatto.
Intanto per sicurezza ripeta l'esame insieme con quelli sopra suggeriti. E chieda al laboratorio di quantificare la componente monoclonale.
Non ritengo che la causa di una produzione monoclonale di Ig ( tra l'altro non si specifica in che zona del tracciato) sia ascrivibile alla mononucleosi.
E' più probabile che lei sia portatore di una MGUS che se confermata va tenuta sotto controllo.
Mi faccia pure sapere, se vuole.
Buona giornata,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#12] dopo  
Utente 434XXX

Gentile dottor Calderola,

Nel referto vi è scritto " sospetta presenza di una componente monoclonale, si esegue immunosottrazione. Quindi... Componente monoclonale IgG lamba di lieve entità. Si consiglia controllo periodico.

Mi chiede se fosse presente prima delle virosi mononucleosi e CMV? Io sono un donatore Avis da sempre e credo che questo esame venga fatto nello screening generale, mi conferma? L'ultima mia donazione del sangue - valori tutti perfetti - l'ho fatta ad inizio settembre 2016, circa 3 mesi prima dell'infezione da mononucleosi.

Mi devo preoccupare? Navigando in rete ho letto notizie allarmanti, come il mieloma.
Ancora grazie, buona serata

[#13] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gli esami AVIS comprendono l'EFP?
Perchè se non la comprendono è chiaro che lei il picco non ha mai saputo di averlo.
In quanto alla componente monoclonale oltre che tipizzata va quantificata: lieve è un termine vago e la soglia di "allarme" è di 1.5g/dl.
Il problema è che le altre indagini per monitorare la gammopatia monoclonale di incerto significato verrebbero alterate dalla doppia infezione in corso.
Nè si può escludere che essendo la Mononucleosi una sorta di leucemia virale acuta autolimitantesi (in soldoni) la stessa componente monoclonale non possa essere ascrivibile alla patologia infettiva.
In ogni caso accerata la presenza di una MGUS IgG Lambda, chieda al medico di farla quantizzare perchè è un valore che dovrà non aumentare nel tempo.
fare la Beta2 microglobulina adesso significa già sapere di trovare un valore alto e lo stesso vale per il dosaggio di IgA/IgM/igG.
Io per il momento consiglierei un atteggiamento di attesa: se la può consolare mio padre ha scoperto la sua MGUS a 50 anni e ora ne ha 83 ed è pienamente attivo con C.M. stabile da 33 anni.
Mi aggiorni quando vuole,
Saluti,
dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#14] dopo  
Utente 434XXX

Le trascrivo la parte di referto dedicata - credo - alla componente monoclonale:

1 COMP. MONOCLONALE:
3,6. %
0.27 g/dl

Attenderò allora, eventualmente farò una visita ematologica, sperando sia relativa a questa doppia virosi. E approfitterò della sua grande disponibilità certamente, cercando nel frattempo di non fasciarmi la testa e fare eccessivi voli pindarici.

Grazie ancora di cuore

[#15] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Guardi,
0,27 gr/dl è irrilevante!
Stia tranquillo: ho fiducia che scomparirà con la completa guarigione.
Resto a disposizione per aggiornamenti.
Carissimi saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#16] dopo  
Utente 434XXX

Grazie dottor Caldarola,

mi ha alleggerito un bel po' le preoccupazioni. La aggiornerò in seguito a tutti gli esami.

Grazie di cuore

[#17] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Fare il Medico è bello per questo.
Sia sereno e a presto.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.