Utente 763XXX
Buongiorno

vivo in Francia dove il vaccino per la varicella non e' ne' obbligatorio ne' raccomandato, a differenza di altri vaccini. Ciononostante voglio vaccinare mio figlio di due anni e due mesi per evitargli le possibili complicazioni che possono insorgere con la malattia. La domanda e' la seguente: una possibile esposizione al virus e' una controindicazione alla vaccinazione? Mi spiego: alcuni dei bambini con cui gioca al parco hanno sviluppato la malattia, e potrebbe essere stato a loro contatto nei giorni immediatamente precedenti i primi sintomi (quando la malattia e' gia' contagiosa). Stiamo parlando di circa 7-10 giorni fa. Se fosse stato esposto al virus (cosa non certa), vaccinarlo in questo momento potrebbe essere dannoso? Ossia potrebbe rendere un'eventuale malattia piu' pesante? O sarebbe semplicemente inutile?

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
è probabile che suo figlio si sia già contagiato. Varicella e morbillo sono in assoluto tra le malattie infettive più contagiose.
Le sembrerà una risposta da matto ma io spero che suo figlio prenda la varicella da virus selvaggio, che nei bambini dura tre o 4 gg e non importa complicazioni lasciando invece una solidissima immunità perdurante per tutta la vita.
Non altrettanto si può dire con il vaccino a virus vivo attenuato, che è più consigliato nell'adulto.
Per cui aspetti altri 15 gg: se non si ammalerà lo potrà vaccinare: diversamente lo terrà a casa 1 settimana e in compenso non si ammalerà mai più di varicella nella sua vita.
Il discorso è diverso per il morbillo che è tutt'altro che "un piccolo morbo" come la il ternime lascia intendere e per il quale il vaccino è senz'altro consigliato.
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.