Utente 438XXX
Buongiorno,
ho bisogno di un consiglio.
A seguito di due aborti spontanei (luglio 2016 e ottobre 2016) sono in cura in un centro di poliabortività. Tra le varie analisi ho eseguito il rubeo test.
Risultati del 19/12/2016 : rosolia IgG>500 (presente), rosolia IgM 1,12 ( > 1,00 presente).
Ho ripetuto le analisi l'8/2/2016 e il risultato è : IgG sempre > 500 (presente) e IgM 1,03 ( >1 presente), quindi IgM leggermente sceso ma sempre presente.
Considerando che non ho alcun sintomo e non ho neanche mai effettuato il vaccino, come di devo comportare? Posso provare a rimanere incinta?
Devo eseguire qualche altro tipo di analisi?
Grazie per la disponibilità

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Cara Signora,
considerando chenon ha effetuato il vaccino e che ha un titolo di IgG così alto è verosimile o che hei sia venuta a contatto con il virus rubeolico, il che ha scatenato per effetto booster una espansione clonale e quindi un aumento degli anticorpi IgG o che lei abbia di recente, ma non sappiamo quando, avuto una rosolia subclinica.
Questo potrebbe spiegare la presenza di IgM a basso titolo ma presenti, che peraltro potrebbero dipendere da una interferenza da parte di anticorpi aspecifici con il test.
Prima di pensare a tests intesi alla rilevazione dell'acido nucleico virale, fattibili solo in centri altamente qualificati, le consiglierei di effettuare una avidity delle IgG, che serve per vedere qianto siano "stagionate" le sue IgG.
Se l'avidity risultasse bassa, le consiglierei di aspettare sei mesi prima di pensare al concepimento; se risultasse alta o altissima una attesa di tre mesi sarebbe sufficiente, previa la ripetizione delle IgM e delle IgG.
Mi faccia pure sapere, se vorrà.
Cordiali saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 438XXX

La ringrazio per la celere e chiara risposta, le farò sapere come si evolverà il tutto.
Cordiali Saluti

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
A presto!!
Buona giornata.
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.