Utente 451XXX
Buona sera.
Sono una ragazza e da un anno frequento un ragazzo che in passato aveva l'epatite c.
Sua mamma gliel'ha trasmessa geneticamente. Da piccolo ha effetuato una cura che a quanto pare ha funzionato
Ci siamo recati da uno specialista, dopo che lui ha fatto gli esami sel sangue, delle malattie infettive ed abbiamo chiesto se la malattia potesse essere ancora trasmissibile nonostamte la cura fatta.
Questo dottore qua, ci ha detto che lui ha completamente debellato la malattia e che non c'e' piu' modo di trasmetterla.
La mia domanda disperata e' questa: mi devo fidare? io ho un anemia siderenopenica e non so cosa potrebbe succedere in caso di trasmissione..
Ho un mal di gola che va e viene, spesso provo fastidio all'orecchio e mi si gonfiano le ghiandole del collo. Potrebbero essere sintomi di una qualche trasmissione?


Ringrazio gia' anticipo e spero in una vostra risposta.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
che le devo dire?
Intanto la sua anemia sideropenica deve essere curata e vanno accertate le cause che la determinano.
Quelli che descrive a carico del faringe e delle orecchie, linfonodi compresi non sono sintomi di Epatite cronica C.
Se non l'ha mai fatto è bene che faccia il test per HCV così da tranquillizzarsi.
In quanto alla guarigione del suo partner, se lo specialista ha certificato che è guarito non ho elementi per mettere in dubbio tale affermazione.
Se ha incertezze si rivolga ad un altro infettivologo o gastroenterologo per un secondo parere: la diagnosi si fa con un semplice prelievo di sangue.
Buona serata.
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.