Utente 452XXX
Buongiorno staff di Medicitalia, vi prego di rispondere a questa domanda, significherebbe davvero tanto per me.

Vi scrivo per un problema che ho da parecchio tempo. Qualche anno fa ho avuto un'esperienza negativa con la Cannabis e da allora non ne ho mai più fatto uso.

Il problema, ahimè, non si conclude qui. Ci sono molti miei amici/conoscenti che ne fanno uso e capita che entriamo in contatto tra di noi: ci diamo la mano, ci abbracciamo, ci prestiamo il materiale ecc... Insomma, tutte cose normalissime che tutti fanno.

Ora, so che potrò sembrarvi stupido, ma per me è molto importante, ecco il dilemma: può accadermi qualcosa se vengo in contatto con queste persone? Nel senso, se loro toccano il mio telefono e due ore prima si sono fatti una canna cosa potrebbe accadere?
Ovviamente sono abbastanza convinto che non ci sia nessun rischio né pericolo, dopotutto hanno fumato loro, non io; tuttavia questa questione spesso e volentieri mi fa riflettere. Può essere che per caso queste persone lascino delle "particelle" (perdonatemi non so in che altro modo chiamarle) sul mio telefono e che possa accadermi qualcosa? Queste particelle hanno qualche proprietà? Oppure non esistono proprio e me le sto inventando io di sana pianta a causa della mia paura?

Se qualcuno potesse tranquillizzarmi spiegandomi bene il processo mi farebbe davvero un grande favore.

Grazie mille in anticipo, arrivederci e buona giornata.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Gentile Utente,
scusi a quale processo allude?
C'è poco da spiegare: se lei davvero non fuma più cannabis non sarà certo toccando il telefono o abbracciando un amico che abbia fumato che il THC entrerà nel suo organismo.
E' come dire che toccando un eroinomane che si è appena iniettato una dose si droghi anche lei.
O toccando il telefono di uno che ha assunto LSD si faccia un bel trip lei pure.
Mi pare strana e poco razionale la sua richiesta di consulto.
Lei non fumi nulla, neanche tabacco, e stia tranquillo.
Buona giornata.
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 452XXX

Buongiorno dottore e grazie mille per la risposta. È stato molto chiaro. Il fatto è che a causa della mia paura spesso e volentieri vado a pensare che se uno si fuma una canna ci siano residui (piccoli) che si depositano anche sulle mani del fumatore, essendo che quest'ultima si tiene tra le dita. Di conseguenza penso che se loro dovessero toccare qualcosa la ""contagerebbero"". Questa è una scemenza, vero? Può esistere qualcosa del genere?

Grazie mille.

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Buongiorno.
E' una scemenza. E' terminologia sua che io le confermo.
Buona giornata,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#4] dopo  
Utente 452XXX

Grazie mille, buona giornata.