Utente 391XXX
Buongiorno,

Vorrei avere un breve consulto su un fatto che mi è accaduto questa mattina. Accarezzando un gattino randagio che vive sotto casa mia, sono stato leggermente graffiato al mignolo. Il graffio era veramente piccolo, di una lunghezza di c.a. 1/1,5 cm, non sanguinava, e sembrava essere perlopiù un abrasione.

Mi sono lavato le mani con acqua e sapone e ho disinfettato con acqua ossigenata 10%. Dato che non ho effettuato un richiamo da diverso tempo, devo preoccuparmi ?

Rimanendo in attesa di ricevere un vostro riscontro, colgo l'occasione per porvi Distinti Saluti.

[#1] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
la dinamica che descrive non la pone assolutamente a rischio di tetano.
Ha fatto benissimo a lavare la ferita con acqua e sapone: H2O2 che ha applicato è stato altresì superfluo.
Se poi adottasse il gattino farebbe un'opera meritoria e avrebbe un amico che non la tradirebbe mai.
Cari Saluti,
Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.

[#2] dopo  
Utente 391XXX

Buongiorno dottore,

La ringrazio per la sua risposta! Mi piacerebbe molto adottare il gattino, ma, purtroppo, non ho lo spazio necessario per tenerlo in casa, ed ecco perché mi limito ad accudirlo in giardino...

Giusto per informazione, quindi, le ferite minori (es. graffi superficiali, abrasioni, ecc.) non causano pericolo di tetano?

Un caro saluto.

[#3] dopo  
44918

Cancellato nel 2018
Salve,
assolutamente no se sono superficiali.
Un gatto si accontenta anche di una sola stanza e poi è molto pulito.
Ci pensi....
Cari saluti,
Dott. Caldarola.
Dr. Vincenzo Caldarola.
Medico - Chirurgo.