Utente 101XXX
Salve, son un ragazzo di 33 anni in apparente buono stato di salute, volevo alcune risposte in merito ad un'azione che fin dall'età adolescenziale tutti ci insegnano ma che poi in pratica, a seguito di stati emotivi non si riesce a farlo.

Ieri ho avuto un rapporto non protetto con una donna conosciuta una settimana fa. Lei ha 39 anni regolarmente sposata con 2 figlie. L'incontro è avvenuto a seguito di sguardi in metropolitana, che duravano da qualche mese. Purtroppo ieri è accaduto che ci siamo visti per la prima volta e dopo qualche parolina gentile siamo andati fino in fondo. Il rapporto è stato di tipo orale per entrambi ed esclusivamente vaginale per lo scrivente. Purtroppo il giorno prima ho donato sangue e quindi è successa una cosa a cui non avevo pensato in pratica non riuscivo a mantenere un'erezione degna di un ragazzo della mia età, quindi dopo aver indossato il preservativo, forse anche per via della mancanza di sensibilità tra gli apparati genitali, l'introduzione di questo mezzo di protezione risultava inutile. Dato il grado di eccitazione elevato ho continuato, con scarsi risultati, senza il suddetto preservativo.
Visto che non c'è stata eiaculazione mi chiedevo se vi fossero rischi particolari, considerato che la donna mi ha rivelato, dopo, che all'età di 19 anni durante la gravidanza (oggi ne ha 39) aveva un infezione dovuta all'Epatite di tipo A e che, tra l'altro, il feto non ha avuto nessun tipo di conseguenza. Oggi dice di essere in splendida forma.
Quindi, in conclusione, ammesso che sono sposato ed i rapporti con mia moglie non sono protetti potrei aver contratto qualche tipo di infezione tale da poter infettare anche mia moglie?

[#1] dopo  
Dr. Gabriele Tonelli

24% attività
0% attualità
12% socialità
BOLOGNA (BO)
UDINE (UD)
RIMINI (RN)
PORRETTA TERME (BO)

Rank MI+ 36
Iscritto dal 2007
La trasmissione dell'epatite A generalmente non avviene per via sessuale.

Cordiali saluti

Gabriele Tonelli
Dott. Gabriele Tonelli
Psicoterapeuta,Master in Psicopatologia e Scienze Forensi,Segr.Redazione PsychiatryOnline It,Medico di Categoria. C.T.U.

[#2] dopo  
Utente 101XXX

Gent.mo Dott. Tonelli La ringrazio per la sua risposta, ma nel frattempo ho constatato un'altro problema di cui ho evitato di menzionare ed è quello di un presumibile contagio da Candida. Premetto che il giorno prima del rapporto ho donato regolarmente il plasma e dopo essermi informato ho letto che è possibile che sia successo anche a causa dell'abbassamento delle difese immunitarie.
In ogni caso il partenr non ha nessun sintomo che possa far supporre di essere affetta da Candidite e questi piccoli brufoletti mi sono usciti dopo 4 giorni.
Oggi andrò da un medico per approfondire meglio