Utente 358XXX
salve,
mi premeva sapere circa la possibilità di avviare una richiesta di malattia professionale per mio padre che ha svolto x circa 25 anni l attività di facchinaggio al mercato ortofrutticolo (carichi più che pesanti, manuali).. e da pochi mesi autotrasportatore di camion (seduto x molte ore con ovvia sollecitazione della schiena) che avendo eseguito rx del rachide cervicale e lombosacrale e risultato essere affetto:
1 da rettificazione della lordosi fisiologica cervicale da contrattura antalgica
2 marcato diffuso reperto di spondiloartrosi a localizzazione interapofisaria con sclerosi delle limitanti e con becchi osteofitici tendenti a ponti ossei cervicali e dorsali
3 discopatia fra c2-c3 c3-c4 c4-c5 c5-c6
4 scoliosi dorsale di tipo sinistro
5 addensamento bilaterale del tronchite omerale con segni di periartrite.
E sintomi come difficoltà di movimenti e formicoliii intensi.. (nonché mi sono accorto personalmente di scrocchi quando gira il collo).
Vi e possibilità di intraprendere con successo la richiesta di malattia professionale?
Quali esami specifici dovrebbe fare per meglio accertarsi e intraprendere la richiesta?
Grazie e buon lavoro..

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Golia

28% attività
4% attualità
12% socialità
BRESCIA (BS)
SERIATE (BG)
CREMONA (CR)
PESCHIERA DEL GARDA (VR)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2007
Buongiorno,

la richiesta è possibile ma il percorso non è semplice ed automatico. In primo luogo, se il papà è visitato periodicamente dal medico competente (del lavoro) della ditta dovrà parlarne con lui. In caso contrario Le suggerisco di andare ad un Patronato con la documentazione sanitaria + libretto lavoro, bisognerà dimostrare che il lavoro svolto (tutto documentato ed ufficiale) ha causato o concausato la patologia vertebrale.

Cordiali saluti
Dr. Maurizio Golia Specialista Medicina Legale e Medicina Preventiva Lavoratori tel. 339/7303091
Brescia - Cremona - Bergamo - Verona