Utente 205XXX
salve io sono un ragazzo invalido al 80% soffro di un disturbo psichiatrico psicosi di innesto in semplice con episodi maniacali in più mi hanno fatto fare un ricovero a pisa al ospedale santa chiara e mi hanno detto che o il disturbo bipolare episodio misto con manifestazione psicotiche sono due patologie. io nel 2013 sono stato assunto come categoria protetta a tempo indeterminato preso l ospedale con la mansione operatore tecnico dei servizi della ristorazione nel verbale della legge 68 hanno fatto una tabella dove ci sono segante le capacità assenti minime medie elevate e potenziali a me hanno messo tutte le capacità medie io nel ospedale mi hanno messo alla lavastoviglie e li sono arrivato ad oggi a 20 mesi di lavoro ma da marzo sto sempre sotto stress vado sempre in tilt pure il rumore della macchina assordane mi da fastidio sto perdendo la pazienza e sono sempre nervoso e agitato me la prendo con tutti i miei familiari il lavoro mi serve e non vorrei fare un gesto a lavoro che provochi il mio licenziamendomi obbligano a fare straordinario ma io ho le mie difficoltà 1 giorno a settimana capita che lo faccio ma io sono un dipendente ospedaliero la mia domanda è io che o il contratto a tempo indeterminato e sto lavorando da 20 mesi posso chiedere di essere spostato n un posto più tranquillo per la mia salute pshica dato che sto uscendo pazzo con tanto lavoro e poco personale come devo fare per lei ad essere spostato di mansione in ospedale dalla cucina da un altro reparto più semplice e men stressante devo inoltrare qualche richiesta specifica.....

[#1] dopo  
Dr. Michele Di Giovanni

20% attività
0% attualità
0% socialità
BERGAMO (BG)

Rank MI+ 20
Iscritto dal 2006
Gent.mo utente lei ha la possibilità di chiedere al suo datore di lavoro "visita a richiesta del lavoratore" c/o il medico competente aziendale come previsto all'art 41 D. Lgs 81/08 e s.m.i.
Spiegherà la sua situazione di salute attuale, documentata da relazioni mediche recenti e verbale INPS legge 68/99 da esibire al medico competente per metterlo in condizioni di agire nel modo migliore possibile.
Dott. Michele Di Giovanni
Medico Chirurgo
Medico del Lavoro