Utente 425XXX
Buongiorno gentil dottori,
inizialmente vi ringrazio del tempo che gratuitamente dedicate.

Pochi giorni addietro ho avuto un incidente: infortunio in itinere, con frattura composta del radio, ulna e capitello radiale sinistro . (non sono mancino)

Ho avuto una prognosi di circa un mese di gesso più la riabilitazione.

Sono consapevole che non è possibile darmi una stima attendibile, ma , siccome sono positivo di natura, sono certo che avrò un recupero, seppur non immediato, del 100%.

Il medico stamattina al controllo mi ha fatto intendere che ciò avverrà nell'arco di un anno, in dettaglio la rotazione del gomito, inizialmente, sarà compromessa.

Come benefit aziendale, ho un 'assicurazione che copre tutti i tipi di infortuni, con franchigia del 3%;
Non essendo il mio mestiere, ho capito che l'inail indennizza solo dal 6% di invalidità in su.

Sempre perdendo tempo, mi è parso di capire dai forum che il medico legale di parte è restrittivo nella valutazione.

La mia domanda che gentilmente Vi porgo è : cosa mi devo aspettare? ho possibilità di percepire qualche soldino per la sfortuna ricevuta, magari investendo in una consulenza oppure è meglio investire in un buon ringraziamento al Grande Architetto perchè sono qui a poterlo raccontare?

Grazie,
buona giornata
Pietro 36 anni - prov. Como

[#1] dopo  
Dr.ssa Laura Brena

20% attività
4% attualità
0% socialità
OTTOBIANO (PV)

Rank MI+ 24
Iscritto dal 2013
Buongiorno Pietro,
per calcolare la percentuale del danno biologico occorsoti a seguito del tuo infortunio, l'INAIL utilizza tabelle ben precise allegate ad un decreto legislativo, che puoi consultare a questo link
http://www.medicoeleggi.com/argomenti00/italia9/16660.htm
Purtroppo la tua percentuale di danno biologico, da quello che ci hai scritto, non mi sembra essere permanente (per fortuna) e comunque al di sotto del 6%, limite al di sotto del quale non percepirai nessun indennizzo monetario oltre a quello che hai percepito per i giorni di inabilità lavorativa assoluta, che, ti ricordo, sono stati pagati da INAIL.

Buona guarigione
Dr.ssa Laura Brena