Utente 494XXX
Buongiorno,sono un uomo di 50 anni e lavoro come operatore ecologico dal 2012 con varie stagioni e poi indeterminato dal gennaio 2014 , dopo i primi due anni incomincio ad avere dei sintomi strani tre dita della mano sinistra intorpiditi e un dolore di tipo sciatico alla gamba. Premetto che i primi anni di raccolta sono stati devastanti era tutto a mano poi migliorata con dei carrellati ma e rimasta la raccolta organico sempre a mano e pesante tutta la mattina con secchi da circa 30 lt.Impaurito dai sintomi mi preoccupo e prenoto una risonanza magnetica ( Maggio 2015) esito:RACHIDE CERVICALE:Rettificata la fisiologica lordosi cervicale. Canale rachideo di ampiezza conservata. In C3-C4 lievi alterazioni osteofito siche somato-marginali posteriori , in C4-C5 disidratato il discointersomatico che presenta piccola protusione discale mediana-paramediana dx. Si associano lievi alterazioni osteofito siche somato-marginali posteriori. RACHIDE LOMBOSACRALE:lieve
rettificazione della fisiologica lordosi lombare. Canale rachideo di ampiezza ai limiti inferiori della norma per brevità congenita dei peduncoli vertebrali .In L2-L3 modesta estrusione discale postero-laterale sx,migrata verso l’alto. Concomita bulging discale,a maggior sviluppo verso sx.In L3-L4 bulging dicsale ed ipertrofia di tipo artrosico delle faccette articolari con lieve stenosi dei forami di coniugazione .In L4-L5 lieve bulging discale.In L%-S1 bulging discale, a maggior sviluppo verso sx dove in sede intraforaminale impronta la radice emergente di L5.Dopo questa sono stato visitato dal Dott. Perozzi Specialista di Bologna, il quale consiglia di evitare il sovraccarico funzionale,calo ponderale.Con questo ho richiesto visita medica aziendale la quale giustamente la Dott.ssa mi da per un anno un limitazione di carico(evitavo solo la raccolta dell’organico ),sono stato sempre bene mai un giorno a casa , poi alla scadenza nuovo dottore mi visita accenno al problema e subito bloccato, non si preoccupi di questo tipo di problema si GUARISCE,ma dottore mi fa male no no a posto tranquillo idoneo.Da circa inizio anno 2017 ricomincio a fare tutte le raccolte, si ripresentano i dolori allora a fine Novembre rifaccio la risonanza esito quasi simile a quello
precedente.Sono arrivato ad un punto che fra la cervicale e lombare quando faccio la raccolta dell’organico quasi mi blocco con dolori,malattia per alcuni giorni,ritorno e poi ancora a casa,siccome la situazione sta diventando insostenibile la mie paure sono una che possa peggiorare a livello fisico ed avere molto più dolore e che l’azienda mi chiami a visita medica per togliermi l’idoneità alla guida così rimanendo in aspettativa che forse si liberi qualche altro posto .
Mi chiedevo perché con i miei sintomi mi viene tolta l’idoneità alla guida se quando io guido solo ( e lo faccio da una vita) sto bene mi basta solo un po’ di stretching e riesco a non fare un giorno di malattia.
Grazie mille mi scuso per la lunghezza del mio post.

[#1] dopo  
Dr. Domenico Spinoso

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)
SAN DANIELE DEL FRIULI (UD)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2018
Gentile utente,
le problematiche di cui patisce alla colonna vertebrale sono di tipo cronico degenerativo per cui non credo possano guarire. È necessario che attui tutte quelle azioni terapeutiche (fisioterapiche e quando necessario farmacologiche), nutrizionali (calo ponderale) e di prevenzione (riduzione del sovraccarico sul rachide, corrette posture) al fine di fermare o almeno ritardare i processi degenerativi.
Non entro nel merito del giudizio che è stato formulato non avendola visitata e non conoscendo l’entità dei rischi a cui lei è esposto durante il lavoro.
Se l’attività che sta svolgendo le crea problemi le consiglio di richiedere nuova visita al medico competente dell’azienda esponendogli tutte le sue difficoltà a svolgere pienamente la mansione assegnata.
Le ricordo che se il giudizio che le darà il medico competente non lo ritiene coerente con le sue problematiche, può proporre ricorso all’organo di Vigilanza dell’azienda sanitaria competente per territorio, entro 30 giorni da quando ha ricevuto il giudizio. In questo caso i medici dell’azienda sanitaria la visiteranno e potranno confermare, revocare o modificare il giudizio.
Cordiali saluti
Dr. Domenico Spinoso
Medico del Lavoro

[#2] dopo  
Utente 494XXX

Buonasera Dr. Spinoso,
penso che l'azienda non abbia nessun problema a vedermi ma di sicuro visto le problematiche mi toglieranno l'idoneità alla mansione e qui che si rischia anche il posto di lavoro ,questa e la mia paura materiale oltre che fisica .

[#3] dopo  
Dr. Domenico Spinoso

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)
SAN DANIELE DEL FRIULI (UD)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2018
Gentile utente,
comprendo appieno le sue paure per il mantenimento del posto di lavoro ma è da considerare che in caso di un giudizio con limitazioni o un giudizio di inidoneità l’azienda ha l’obbligo di ricercare un reinserimento in mansione compatibile con lo stato di salute. Solo se non è possibile un reinserimento (l’azienda non ha però l’obbligo di creare esuberi o spostamento di altro personale per il reinserimento) può procedere a rescissione del contratto per sopravvenuta inidoneità. A quanto lei specificava, l’esonero dalla sola raccolta dell’organico, le aveva consentito un lungo periodo di benessere e di proficuo lavoro per cui non ci dovrebbero essere difficoltà ad una soddisfacente ricollocazione nell’ambito della stessa mansione.
Le ribadisco ancora che anche in caso di inidoneità può proporre ricorso.
Continuare a lavorare in attività che le provocano riacutizzazione frequente dei suoi sintomi con conseguente necessità di frequenti assenze per malattia non mi sembra una soluzione. In primo luogo perché andrebbe ad aggravare le sue condizioni, sia perché l’azienda potrebbe decidere, a seguito di frequenti assenze per malattia, di verificare la sua capacità lavorativa ricorrendo alla commissione medico-legale del’azienda Sanitaria territoriale ex art. 5 della legge 300/70 (statuto dei diritti dei lavoratori).
Cordiali saluti ed in bocca al lupo.
Dr. Domenico Spinoso
Medico del Lavoro

[#4] dopo  
Utente 494XXX

La ringrazio tanto per le informazioni Dr.Spinoso , adesso valuterò anche assieme al sindacato che linea tenere per riuscire a lavorare sereno . Grazie Grazie .