Utente 497XXX
Buonasera dottori,

vi scrivo poiché oggi, in seguito alla mia curiosità, sono andato ad informarmi sul tipo di mascherine che, come da titolo, utilizzo come DPI per la colatura di resine ed indurenti epossidici, attività che effettuo occasionalmente (tempo di esposizione 20-30 minuti per 2/3 volte al mese) sul posto di lavoro, e mi sono accorto, dando un'occhiata al datasheet della mascherina protettiva, sul sito del produttore, che il modello di mascherina è idoneo a vapori organici; i vapori inorganici e gas chimici sono proprietà appartenenti a mascherine con lo stesso design e simili in tutto e per tutto eccetto appunto per quest'ultima peculiarità.

Considerati i suesposti tempi di esposizione, ove in ogni caso ho sempre anche attivato un impianto di aerazione sebbene non particolarmente efficace, mi devo considerare a rischio di tumori o reazioni allergiche di qualche tipo?
Mi consigliate di tenermi sotto controllo con esami del sangue / ecografie toraciche per i prossimi 3/4 anni?

Grazie in anticipo della vostra risposta, spero di non rubarvi troppo tempo.


Cordiali Saluti,


Stefano.
Edit: faccio questo lavoro da 6 mesi.

[#1] dopo  
Dr. Domenico Spinoso

Referente scientifico Referente Scientifico
28% attività
20% attualità
16% socialità
REGGIO DI CALABRIA (RC)
SAN DANIELE DEL FRIULI (UD)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2018
Gentile utente,
in considerazione dei tempi di esposizione, singoli e cumulativi non credo che il rischio per lei di tumori sia statisticamente aumentato per cui non ritengo utili accertamenti ripetuti.
Certamente per il futuro le consiglio l'utilizzo di semimaschere facciali con filtri specifici (dovrebbero andare bene filtri di tipo B - colore grigio).
Cordiali saluti
Dr. Domenico Spinoso
Medico del Lavoro