Utente
Salve ho 38 anni, sono molti anni che non ho un sonno ristoratore, da quando mi metto a letto al suono della sveglia passano sempre 8 ore ma durante queste nei casi migliori ho 2-3 risvegli (anche se poi mi riaddormento credo nel giro di 10 - 20 minuti), quando va male ne ho 5 o 6.
Sono emotivo e alcune volte ansioso ma anche nei periodi in cui mi sento bene non faccio una "tirata" fino alla sveglia, nonostante ho provato a prendere camomilla, melatonina, novanight, ecc... I miei genitori prendono il rivotril per dormire (dato dal medico di base) cosi ho provato anche io, mi sembra efficace perchè mi sveglio completamente dopo 6-7 ore e forse anche più (con vaga impressione di qualche breve semirisveglio notturno che penso duri poco), per cui credo sia efficace, il problema è che dopo un paio di giorni da 10-11 gocce la sera (se ne prendo meno mi sveglio prima) durante il giorno mi sento intontito.
Esiste un farmaco più indicato di un antiepilettico che non lascia "postumi" e che possa essere preso per tempi prolungati?


Grazie

[#1]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Gentile utente,

occorre valutare se i risvegli sono indice di cattivo sonno oppure se non danno origine ad alcun problema in realtà.

Psicologicamente, talvolta ci si fissa sul fatto che il sonno sia ristoratore unicamente se dura un'intera nottata senza interruzioni,
ma - realisticamente - da adulti ciò raramente avviene.
Se invece di giorno si è assonnati, intontiti, ecc., si valuta assieme al medico di base se sia opportuno ricorrere ai farmaci, oppure rivolgersi allo Specialista del sonno per approfondimenti specifici.

Dal punto di vista psicologico occorre lavorare sulle proprie aspettative negative e stereotipi relativi al sonno, apprendendo a gestire con serenità i risvegli notturni (ma anche l'ansia diurna, essendosi Lei definito ansioso)
ad es. attraverso le tecniche di rilassamento,
tra cui ottimo in questo caso è il Training Autogeno di J. H. Schultz e relative visualizzazioni, insegnato da Psicologi possibilmente con diploma specifico ad es. CISSPAT, di cui potà approfondire qui:
https://www.medicitalia.it/minforma/psicologia/652-il-training-autogeno-nel-trattamento-dei-sintomi-psicologici-e-psicosomatici.html .

In tale modo si toglie ai risvegli il potere tragico e destabilizzante, che forse ha appreso nella Sua famiglia d'origine, dai Suoi genitori che Lei sta imitando anche nei farmaci (Rivotril).

Allego un articolo sul sonno, considerato che una risposta al consulto è inevitabilmente breve e dunque non del tutto esaustiva:
https://www.medicitalia.it/salute/neurologia/200-disturbi-sonno.html .

Inoltre, sperando di interpretare i Suoi desideri, sposto il Consulto in "Medicina del sonno",
in modo che Lei possa fruire non solo dello Psicologo, bensì anche del punto di vista di area medico-specialistica.

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#2] dopo  
Utente
Grazie della risposta, ha fatto bene a cambiare la sezione, nella scelta iniziale non compariva o non l'ho vista.
Comunque diciamo che spesso ho sonno e voglia di dormire fino a dopo pranzo, poi nel pomeriggio mi riprendo e la sera mi torna sonno ma vado a dormire un paio di ore dopo verso mezzanotte. Non credo sia una mancanza di sonno grave ma credo di essere sempre al limite e vorrei riposare meglio.

Cordiali saluti

[#3]  
Dr. Carla Maria Brunialti

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
ROVERETO (TN)
TRENTO (TN)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Mi spiace che nessuno abbia risposto finora ...

Dott. Brunialti
Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/