Utente 146XXX
Salve, avrei una questione da sottoporre. Sono un ragazzo attivo e in salute, pratico sport di frequente e sono fisicamente in ottima forma. Ho un problema che si manifesta però solamente dopo una particolare attività fisica alla quale sono particolarmente legato: il calcetto. Lo pratico 3 volte a settimana, e ogni volta che ho finito di giocare, dopo 20 minuti circa, comincio ad avere la vista offuscata (lumini) per circa 15 minuti, al termine del quale, puntualmente, arriva un mal di testa. La stessa cosa non succede per altri sport (nuoto, bici), anche se ammetto che la tensione agonistica del calcetto mi impegna molto fisicamente, sebbene concludo l'allenamento senza particolare stanchezza, dolori muscolari, o altro, grazie al mio costante allenamento. L'unico rimedio che ho trovato, ed è sempre valido, è quello di bere una bevanda energetica (il Gatorade, per esempio) al termine dell'allenamento. Questo è l'unico modo per ovviare al problema e stare "bene". Ho provato a variare l'alimentazione ma senza successo. Ho provato a fare un ciclo di Polase sotto consiglio del medico di base, ma senza risultati. Dovrò essere sempre Gatorade-dipendente? Ci sono particolari esami che mi possono aiutare a capire qual'è il problema?
Ringraziando anticipatamente,
cordialmente,
A.

[#1]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Per prima cosa va chiarito che il calcio a 5 ha una tipologia di impegno completamente diversa dal ciclismo e dal nuoto e quindi potrebbe essere la mancanza di allenamento specifico a generare i sintomi descritti.
Per le indicazioni le consiglio di rivolgersi allo specialista in medicina dello sport, che tra l'altro dovrebbe già averla visitata visto lo sport praticato con costanza (il medico di base, purtroppo, di sport capisce ben poco ...): alimentazione, allenamento distrettuale specifico, recupero devono essere indicati da un esperto.
Per il gatorade: beve durante l'attività sportiva?
Potrebbe anche bastare una corretta reidratazione durante lo sport per risolvere tutto.
Invece del gatorade utilizzi una bevanda "fatta in casa": acqua non gasata, 1/2 cucchiaino di sale da cucina, 1 grammo di aspartato di potassio, succo di limone o arancio a piacere ... costa meno ed è efficace almeno quanto il gatorade.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com

[#2] dopo  
Utente 146XXX

Grazie per la gentile risposta.
Ogni anno regolarmente effettuo infatti la visita medica sportiva, obbligatoria visto che gioco all'interno di un campionato CSI.
Purtroppo quando ho sottoposto la questione al medico che mi visitava non ho mai avuto risposte degne di nota, oltre a "se con il gatorade sta bene, avrà bisogno di sali minerali, beva quello".
Ritengo opportuno specificare che tutti i valori durante la visita erano nella norma: elettrocardiogramma, polmoni, ecc...
Rispondo alla sua domanda: durante l'attività sportiva non bevo mai, perchè altrimenti sopraggiunge subito la stanchezza, e mentre corro sento che ho bevuto e mi sento come se avessi la pancia piena d'acqua anche se ho bevuto poco.
Ad ogni modo proverò magari durante l'attività a bere piccoli sorsi di gatorate ad intervalli regolari, e a bere dopo l'attività la bevanda "fatta in casa", la terrò aggiornata.
Tornando al caso specifico, a cosa può essere dovuto un calo di pressione così forte (sempre che di pressione si tratti)? Ad un eccessivo consumo di sali minerali e zuccheri durante l'attività sportiva? Cosa consiglia invece di mangiare/bere prima dello sport?

Grazie ancora,
A.

[#3]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
La bevanda fatta in casa può essere utilizzata anche durante l'attività sportiva.
Per una valutazione dell'andamento della pressione dovrebbe effettuare una prova da sforzo massimale con la misura della pressione durante il test: si potrebbe in tal modo verificare i valori reali della pressione.
Per quanto riguarda l'alimentazione, qui trova diversi articoli sull'argomento: http://www.sportmedicina.com/alimentazione_fisiologia.htm
Per indicazioni specifiche deve consultare il medico ... a distanza non è possibile fornire tali indicazioni.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com