Utente 284XXX
buongiorno Dottore,

la domanda riguarda mio figlio che tra poco compirà 14 anni.

Lui è alto più di 1,70cm, normale costituzione e gioca a calcio agonistico, ha fatto 1 mese fa la visita presso uno studio di medicina dello sport e tutto è risultato ok.

Nel mese di Ottobre causa un infortunio durante uno scontro di gioco in allenamento si è procurato una lievissima infrazione allo sterno la quale si faceva fatica a vedere anche nelle radiografie.
E' rimasto 2 mesi fermo sotto il controllo di un chirurgo toracico e adesso è guarito. Premetto che dopo l'infortunio lui si è rialzato subito ed ha continuato a giocare la partitella come se nulla fosse, pur sentendo il dolore.

La mattina del giorno dopo sentiva più dolore siamo andati al pronto soccorso ci hanno indirizzato in pediatria gli hanno fatto un elettrocardiogramma risultato ok 69 bpm, e anche un eco cardiogramma dove è tutto ok a parte una minima insufficienza mitralica fibrosi dei lembi e lieve insufficienza tricuspidale: stima della PAPs 28mmhg.
Il medico ci ha detto che il cuore è normale, questi esami li ho fatti vedere anche al medico sportivo al momento della visita.

Adesso non si allena da 3 mesi per l'infortunio che gli ho detto fortunatamente guarito, inizierà ad allenarsi a giorni.

Dopo che il chirurgo toracico ci ha consigliato di mandarlo in palestra ieri sera durante un test che l'istruttore gli ha fatto fare gli sono risultati i battiti cardiaci alti sopra i 100.
Secondo l'istruttore è un fattore emotivo, lui non vede l'ora di iniziare a fare gli allenamenti di calcio da martedì, secondo lei li può iniziare o necessitano ulteriori controlli medici?

Grazie per la risposta

[#1] dopo  
Dr. Giancarlo Rando

40% attività
0% attualità
16% socialità
ALBA (CN)

Rank MI+ 56
Iscritto dal 2013
Signora Carissima,
stia pure tranquilla.
Una frequenza cardiaca media appena sopra o intorno ai 100 battiti al minuto in un ragazzo con suo figlio può essere del tutto normale sia per una condizione di temporanea emotività, sia per il prolungato dis-allenamento a cui è andato incontro a causa del trauma subito.
Può comunque valere la pena rilevare ancora la frequenza cardiaca ( e suggerirei anche i valori della pressione arteriosa , almeno una - due volte ) in altri momenti ed in condizioni diverse, senza che però tale controllo debba essere motivo di ansia o un assillo per Lei e per il suo ragazzino.
Di solito anche nei ragazzini di 14 anni l'allenamento induce progressivi adattamenti che contribuiscono nel tempo all'abbassamento della frequenza cardiaca.
Dia pure il " via ! " agli allenamenti visto che non vede l'ora di riprendere.
Rimanendo a disposizione per ulteriori eventuali chiarimenti, Le porgo cordiali saluti.
Dr. GIANCARLO RANDO
MEDICO DELLO SPORT, ANGIOLOGO, FISIATRA

[#2] dopo  
Utente 284XXX

Grazie della risposta Dott. Rando

come ha detto lei gli ho controllato i battiti per 3 volte in diversi momenti della giornata e il massimo valore è stato circa 84, appena sveglio circa 70 bpm.

Parlando bene con mio figlio mi ha riferito che i battiti non gli erano stati controllati completamente a riposo ma dopo alcuni esercizi ginnici che gli hanno fatto fare per controllare l'elasticità dei muscoli.

Può essere che essendo dis-allenato ha impiegato più tempo a recuperare e riprendere i normali battiti cardiaci, spero quindi possa essere stato oltre al fattore emotivo anche una questione di dis-allenamento come ha detto lei.

Ieri ha iniziato a fare allenamenti di calcio differenziati senza problemi.

Cordiali saluti e grazie ancora per la risposta