Utente 284XXX
Gentilissimi medici,
il problema su cui vorrei chiedervi un parere consiste nella comparsa sporadica di lievi dolori localizzati al torace, al collo, alle spalle, che tendono a irradiarsi anche alle braccia fino alle dita della mano. I dolori sono sporadici e molto lievi e compaiono dopo sforzi intensi di allenamento. Premetto che ciò non accade sempre, ma talvolta: la maggior parte delle volte che faccio sforzi notevoli non compare alcun fastidio.. Da circa 3 anni pratico sport a livello agonistico (pugilato), mentre fino a 18 anni ho praticato calcio a livello agonistico. Le visite mediche sportive e non sportive non hanno mai riportato anomalie. Tra i 18 ai 29 anni non ho praticato sport agonistici, ma solo corsa amatoriale, partitelle di calcetto, lunghi trekking; non sono mai stato troppo sedentario, ho da sempre una buona alimentazione, non eccedo con gli alcolici e fumo poche sigarette (non più di 1 al giorno in media).Premetto che non mi sono mai allarmato per questi doloretti; se ci penso bene credo che questi sporadici fastidi li abbia sempre provati di tanto in tanto. Non mi sono mai fermato né allarmato di fronte alla comparsa di questi dolori, anche perché con le visite sono stato sempre a posto. Dalla tipologia di dolore mi sentirei di escludere cause di tipo muscolare (in senso traumatico - ovvero da eccessiva sollecitazione meccanica dei muscoli) L'impressione che ho è che si tratti di qualcosa legato alla circolazione del sangue (un ridotto afflusso di sangue nei muscoli interessati). Pur fidandomi delle mie sensazioni, non vorrei farmi autodiagnosi che lasciano il tempo che trovano. Potrebbe essere avvisaglia di un problema serio o comunque da non sottovalutare? L'esame dell'elettrocardiogramma sotto sforzo può dirsi esaustivo? Quali altri accertamenti potrei fare? Oppure fatti di questo tipo possono essere considerati in un certo senso "benigni"? Grazie per la vostra attenzione e per il servizio da voi offerto. Cordiali saluti

[#1] dopo  
Dr. Magda Muscarà Fregonese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
VILLORBA (TV)
VENEZIA (VE)
MESTRE (VE)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Gentile utente, per stare tranquillo si faccia magari vedere da un medico dello sport.. se tutto, come penso è a posto, provi a pensare se non è molto centrato sul suo corpo e sulle sue prestazioni.. se si sente in allarme per altri aspetti della sua vita.. non del tutto soddisfacenti..
Restiamo in ascolto..
Dr. MAGDA MUSCARA FREGONESE
Psicologo, Psicoterapeuta,
approccio psicodinamico problemi familiari, adolescenza, depressione 348 55 00 206

[#2] dopo  
Utente 284XXX

Gentili medici e Gentile Dr M.F., grazie per il suo parere

Forse non mi sono spiegato bene: di visite recenti al medico dello sport ne ho avuta una lo scorso dicembre e l'altra un anno prima. Mi hanno fatto l'elettrocardiogramma sotto sforzo che non ha messo in evidenza anomalie.

Non ho ben capito se lei mi sta dicendo che 1) sono troppo concentrato sul mio corpo e sulle mie prestazioni e non su altri ambiti della mia vita, o 2) se dovrei esser più attento a capire i segnali lanciati dal mio corpo.

La ringrazio del suo contributo, reputo di avere sia serenità d'animo sia preoccupazioni, come tutti del resto.

La mia domanda era specifica: volevo sapere se l'elettrocardiogramma sotto sforzo è un esame capace di individuare ogni sorta di anomalia o se alcuni problemi possono sfuggire. Volevo sapere da parte di un cardiologo o un medico dello sport se questi dolori sporadici (post sforzo) siano da prendere sul serio o meno sul piano strettamente cardiologico. Poi sono d'accordo con chiunque sul fatto che il corpo umano sia un insieme di apparati e sistemi uniti, etc. etc. Grazie, se vuole aggiungere altre riflessioni non esiti, il fatto è che io volevo un parere strettamente cardiologico.

[#3] dopo  
Dr. Magda Muscarà Fregonese

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
20% socialità
VILLORBA (TV)
VENEZIA (VE)
MESTRE (VE)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2012
Gentile utente, dovrebbe postare la sua richiesta a Cardiologia, dal mio punto di vista, noto una grande centratura da parte sua sul corpo e sulle sue prestazioni, a volte, spesso, questo atteggiamento .. critico.. copre insoddisfazioni su altri versanti della vita..
Le faccio molti auguri..
Dr. MAGDA MUSCARA FREGONESE
Psicologo, Psicoterapeuta,
approccio psicodinamico problemi familiari, adolescenza, depressione 348 55 00 206