Utente cancellato
Salve ho 27 anni e ho un problema alla gamba dx praticamente da moltissimo tempo. Ora mi spiego meglio.
All'eta di circa 4 anni lamentavo forti dolori alla gamba e all'ospedale mi hanno messo in tira x 40 gg dicendomi che si era consumata la cartilagine nell'anca.Dopo quell'episidio non ho più avuto problemi continuando a giocare e successivamente lavorando ( facendo lavori pesanti in campagna e usando escavatori con molte vibrazioni e sobbalzi) fino all'età di circa 20-21 anni. Qui si sono di nuovo manifestati con dolori all'anca ( linguine )ogni volta che mi affaticavo , correvo , saltavo , stavo in ginocchio. Ora faccio l'autista come lavoro , quindi è un lavoro sedentario con solo alcune vibrazioni leggere dovute al camion. recentemente ho fatto i raggi X per vedere se c'erano malformazioni all'anca , ma per fortuna è risultato tutto apposto. Il mio ortopedico dopo una visita mi ha diagnosticato quanto segue:
coxalgia dx ricorrente
si consiglia kinesiterapia esercizi fuori carico , di tonificazione dei muscoli coxo - femorali e di mobilizzazione dell'anca.
quello che mi interessa sapere è
-se posso fare attività sportiva , se si quale?
-se il mio lavoro da autista comporta problemi
-se questi esercizi possono o no trarmi vantaggi e in quali tempi

Preciso che ho 27 anni , alto circa 1.80 e peso 84 kg

[#1]  
Dr. Sergio Lupo

28% attività
0% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
GENZANO DI ROMA (RM)

Rank MI+ 44
Iscritto dal 2003
Prima di effettuare una pratica sportiva si deve migliorare l'efficienza della muscolatura: il suo medico in pratica le ha consigliato proprio questo.
Io le consiglio di chiedere indicazioni ad uno specilaista in medicina dello sport, che potrà valutare le sue condizioni fisiche (rapporto peso/statura, tono ed equilibrio dei gruppi muscolari, elasticità ecc.) e consigliarle sia gli esercizi più corretti che l'attività fisica più idonea alle sue condizioni.
Sicuramenbte la sedentarietà è dannosa e una corretta attività fisica previene le patologie osteoarticolari.
Dottor Sergio Lupo
Specialista in Medicina dello Sport
www.sportmedicina.com